martedì 21 dicembre 2010

DOMENICA DA ANTONELLA

Domenica ho accompagnato mia figlia all'aeroporto Marco Polo di Venezia; partiva per Seoul - Korea. Mia moglie ed io ne abbiamo approfittato per andare a trovare la nostra amica Antonella in un paese vicino ad Asolo.
Essendo questo un blog di cucina non mi soffermerò sui vari aspetti di una piacevolissima giornata ma parlerò soltanto del pranzo che ci ha preparato.
Premetto che eravamo in sei perché oltre ad Antonella e suo marito Sandro, a mia moglie Emanuela ed io c'erano anche la mia ex moglie Alessandra ed il suo compagno Marco. Come ho già riportato in qualche post mi piace la cucina che proponeva Ugo Tognazzi e, secondo lui, a tavola si doveva essere almeno in sei. Quindi sotto questo aspetto il pranzo partiva sotto i migliori auspici.
Antonella si era descritta come una cuoca non molto brava.
Ebbene, era la prima volta che mangiavo piatti preparati da Antonella, e se lei non è molto brava non oso minimamente a pensare cosa avrebbe preparato se mi avesse detto che era brava.
Antonella ha preparato soltanto:
- Tortino di formaggio e verdure
- Lasagne al radicchio di Treviso
- Arrosto di cappone disossato ripieno di maiale
- Arrosto di tacchinella
- Radicchio di Treviso in insalata
- Patatine arrosto
- Tiramisù
Il tutto annaffiato da Brentino di Maculan mentre con il dolce da Moscato d'autunno di Saracco.
Caffè e nocino fatto in casa.
Il tutto preparato impeccabilmente e servito ancora meglio.
Il problema è che mi ha messo in difficoltà perché non so se saprò fare almeno altrettanto quando ricambierò l'invito.
Ho un solo rimpianto; non aver avuto modo di fotografare quanto ci ha preparato Antonella per rendere partecipe chi legge questo post almeno visivamente.
Questo post è quindi un plauso ad Antonella ribadendo quello che ad un certo punto del pranzo le ha detto Alessandra "se vuoi fare degli esperimenti noi siamo pronti a farti da cavia".
BRAVA Antonella, continua così
Stampa il post

1 commento:

  1. Grazie Gianni, sei molto gentile!
    Ho letto il tutto a Sandro e non credavamo alle nostre orecchie!
    Ma vi pensate aver come ospite proprio il "cuocogianni"?
    Non è stato un'esame facile da superare.
    Mi ha portato anche il dolce tipico di Brescia, il Bussolà, e del buon vino di Franciacorta.
    Mentre Emanuela ci ha fatto un bellissimo cd natalizio.
    Siete stati degli ospiti fantastici e conserverò a lungo nel mio cuore il ricordo di questa giornata.
    Grazie ancora da Antonella e Sandro.

    RispondiElimina