sabato 4 dicembre 2010

TARTARE DI PESCE SPADA E MANGO

Quelle volte che sono a dieta (per buona parte del tempo) il pesce spada è uno dei pesci che più frequentemente devo mangiare quindi devo ingegnarmi per non mangiarlo sempre allo stesso modo. L'abbinamento del pesce crudo con la frutta è uno dei miei preferiti e questa ricetta ne è un esempio.

Tartare di pesce spada e mango

INGREDIENTI (4 persone)

300-400 g di fette dipesce spada
1 mango grande
5 cucchiai di olio extra vergine di oliva
3 cucchiai di succo di limone
Prezzemolo tritato
Pepe bianco
Sale

PREPARAZIONE

Per ricavare la tartare NON tritare assolutamente con apparecchiature elettriche.
Tagliare ogni fettina di pesce spada a strisce e dalle strisce ricavare dei dadini.
Battere con il coltello la dadolata ottenuta.
In una ciotola amalgamare tre cucchiai d'olio EVO, un cucchiaio di succo di limone, il prezzemolo tritato il pepe ed il sale.
Aggiungere la dadolata di tonno, mescolare bene e lasciare riposare in frigorifero.
Sbucciare il mango e tagliare delle fettine quindi tagliare le fettine e ricavare una dadolata simile a quella del tonno (meglio più piccola che più grossa).
Assemblare il piatto posizionando un coppa pasta (diametro 7-8 cm, altezza 3-4 cm) e riempirlo a metà la dadolata di mango pressando leggermente per compattarla; riempire fino all'orlo con la tartare di pesce spada e pressare bene; estrarre il coppa pasta.
Condire con un giro di olio EVO a crudo.

VINO CONSIGLIATO

Pigato D.O.C. di Azienda Agricola Ramoino

Stampa il post

4 commenti:

  1. Ma che bella ricetta, una domanda :"Il pesce prima di condirlo lo congeli e lo scongeli per evitare la contaminazione di Anisakis?"
    Ero passata per ringraziarti della visita e per ricambiare la'iscrizione, ma questa ricetta mi ha folgorrato!!!
    Bellissima...

    RispondiElimina
  2. Ciao Elena, ti ringrazio della visita e, soprattutto, di darmi l'occasione di accennare nuovamente del batterio Anisakis.
    Ne avevo già accennato in uno dei miei primi post
    (http://cocogianni.blogspot.com/2010/10/mazzancolle-agli-agrumi.html).
    Io penso che sia doveroso fare attenzione ed evitare rischi inutili. Per questo, quando compro del pesce che intendo preparare crudo, lo chiedo decongelato e, se non è possibile faccio come hai indicato tu nel commento.
    Questo anche se non è pesce azzurro (non si sa mai)

    RispondiElimina
  3. Grazie per la dritta, io non ho mai cucinato pesce crudo per ora, ma sicuramente farei come te, ...
    Vorrei aggiungere che l'Anisakis è un nematode parassita, non un batterio, scusa se preciso, so di fare la figura dell'antipatica, ma mi occupo di analisi sugli alimenti.. un saluto, spero non te la sia presa...

    RispondiElimina
  4. Assolutamente no. Penso che ci sia sempre qualcosa da imparare.

    RispondiElimina