lunedì 31 gennaio 2011

ORATA SUSSURRATA

Un giorno un pensatore indiano fece la seguente domanda ai suoi discepoli:
- Perché le persone gridano quando sono arrabbiate?
- Gridano perché perdono la calma - rispose uno di loro.
- Ma perché gridare se la persona sta al suo lato? - disse nuovamente il pensatore.
- Bene, gridiamo perché desideriamo che l'altra persona ci ascolti - replicò un altro discepolo.
E il maestro tornò a domandare:
- Allora non è possibile parlargli a voce bassa?
Varie altre risposte furono date ma nessuna convinse il pensatore.
Allora egli esclamò: 
- Voi sapete perché si grida contro un'altra persona quando si è arrabbiati? Il fatto è che quando due persone sono arrabbiate i loro cuori si allontanano molto. Per coprire questa distanza bisogna gridare per potersi ascoltare. Quanto più arrabbiati sono tanto più forte dovranno gridare per sentirsi l'uno con l'altro. D'altra parte, che succede quando due persone sono innamorate? Loro non gridano, parlano soavemente. E perché? Perché i loro cuori sono molto vicini. La distanza tra loro è piccola. A volte sono talmente vicini i loro cuori che neanche parlano, solamente sussurrano. E quando l'amore è più intenso non è necessario nemmeno sussurrare, basta guardarsi. I loro cuori si intendono. E' questo che accade quando due persone che si amano si avvicinano.
Infine il pensatore concluse dicendo:
- Quando voi discuterete non lasciate che i vostri cuori si allontanino, non dite parole che li possano distanziare di più, perché arriverà un giorno in cui la distanza sarà tanta che non incontreranno mai più la strada per tornare.
Il pensatore era il Mahatma Gandhi

Questa storia è dedicata a Flavia del sito cuocicucidici che ha ideato il contest HART-to-HART al quale partecipo con questa ricetta.


Orata con spinaci

INGREDIENTI (per 4 persone)

8 filetti di orata
1/2 kg di spinacini freschi
Olio extra vergine di oliva
Pepe bianco
Sale

PREPARAZIONE

Lavare ed asciugare bene gli spinacini.
Mettere su una teglia da forno un foglio di carta forno e ungerla leggermente con l'olio EVO.
Ungere i filetti di orata da ambedue le parti e posizionarli sulla teglia. Salare e pepare.
Mettere in forno a 180° per 10-12 minuti a seconda della dimensione dei filetti.
Mettere sul fuoco una padella con poco oilo EVO; quando sarà molto calda aggiungere velocemente gli spinacini, salarli e muoverli rapidamente. Cuocere al massimo un paio di minuti.
Quando i filetti sono cotti eliminare la pelle e passarli su carta assorbente per eliminare l'olio in eccesso quindi posizionarli al centro del piatto (2 per porzione).
Mettere tuto intorno gli spinacini.

VINO CONSIGLIATO

Fiano di Avellino DOCG - Pietracalda dei Feudi di San Gregorio

Stampa il post

9 commenti:

  1. Caro omonimo, la storia mi è veramente piaciuta! E decisamente che fantasia la tua di creare un cuore con gli spinaci....geniale. Ciao Gianni

    RispondiElimina
  2. Bellissima storia e carinissima l'idea del cuore di spinaci ^_^
    Ciao.

    RispondiElimina
  3. GRAZIEEEEEEEEEE...è bellissima.... e la tua orata sussurrata è davvero buona....grazie...corro a linkare anche la tua ricetta...buona giornata, Flavia

    RispondiElimina
  4. caro il mio Gianni, che perla di saggezza ci hai regalato oggi con questo post e che perla di cucina..un'orata magnifica...ho voglia di assaggiarla.
    ti penso

    un bacione

    RispondiElimina
  5. ah! ti sarai mica dimenticato del mio contest???ah? ci conto eh?
    TVB

    RispondiElimina
  6. E' davvero una storia bellissima! Posso rubartela?

    RispondiElimina
  7. Ciao, complimenti per la ricetta...e anche per l'abbinamento! Siamo contenti che tu abbia scelto il nostro Pietracalda. Che ne pensi invece dei nostri vini rossi? Aspettiamo i tuoi commenti sulla nostra Fan Page di Facebook "I vini dei Feudi di San Gregorio"...restiamo in contatto! A presto!
    Novella
    Team Feudi di San Gregorio

    RispondiElimina
  8. @Gianni e Mary
    Grazie per i complimenti; per il cuore di spinaci il merito è di EliFla che nel varare il contest ha invitato a provare a rappresentare il cuore senza ricorrere a stampini vari e penso che, quantomeno in questo, di esserci riuscito

    @EliFla Mi fa piacere che sia piaciuta

    @Eleonora Come sempre sei carinissima e aspetto sempre con ansia i tuoi commenti. Per quanto riguarda il tuo contest non me ne sono dimenticato; solo che per il contest della mia blogger preferita (sono sicuro che non me ne vorranno le altre) devo pensare e realizzare qualcosa all'altezza.

    @Chiacca Grazie e, ricorda, se si tratta di diffondere messaggi positivi d'amore e di fratellanza, non si tratta di rubare ma di CONDIVIDERE.

    @Novella Ti ringrazio, il Pietracalda l'ho assaggiato da un amico ed ho una sola parola per definirlo "sublime".
    Per gli altri vini non ho ancora avuto occasione di assaggiarli ma non preoccuparti che lo farò presto e sarà un piacere darti un mio parere (tra l'altro anch'io abito in una zona dove si fanno dei vini eccellenti)

    Un abbraccio ed un bacio a tutte/i

    RispondiElimina
  9. Bellissima storia, da tenere assolutamente in considerazione!

    RispondiElimina