lunedì 25 agosto 2014

RISOTTO PROFUMATO ALLA MENTA CON CIPOLLOTTO, ASIAGO E ZAFFERANO



Ultimamente, le poche volte che mi capita di cucinare a casa, mia moglie mi chiede di preparare un risotto cosa che faccio molto volentieri anche perché il riso è un ingrediente che ti consente di spaziare con la fantasia tra una varietà infinita di possibilità.
Chiaramente le richieste di mia moglie non avvengono con un adeguato anticipo ma solitamente poco prima di iniziare a cucinare per cui tu puoi anche spaziare con la fantasia che però viene assolutamente limitatai a quanto c'è nel frigorifero ed in dispensa; questo risotto rientra pienamente nella tipologia.
Ho utilizzato il safran (zafferano) in pistilli che avevo acquistato a Casablanca quando ero stato in crociera tempo fa. Differentemente dal classico zafferano in polvere ha un profumo più marcato e tende a colorare un po' di meno.
Il profumo di menta, pur sentendosi, non era comunque forte e resta una variabile a proprio gusto decidendo se aumentare o diminuire il quantitativo aggiunto al brodo.
La scelta dell'Asiago mezzano rispetto al pressato o allo stagionato è dovuta al voler ottenere un buon compromesso tra il sapore e la facilità di scioglimento e di cremosità.





INGREDIENTI (per 4 persone)
320 g di riso Carnaroli
2-3 cipollotti
200 g di Asiago mezzano
1 cucchiaio di pistilli di safran
Un mazzettino di foglie di menta
Olio extra vergine di oliva
Brodo vegetale
Sale
Pepe bianco

PREPARAZIONE
Preparare il classico brodo vegetale e, quando sarà pronto, aggiungere il safran e le foglie di menta tenendone da parte qualcuna per la decorazione.
Pulire, lavare e asciugare bene i cipollotti quindi tagliarli in modo grossolano.
Fare scaldare, a fiamma moderata, l'olio evo nella pentola che verrà utilizzata per la cottura del risotto, aggiungere il cipollotto e farlo stufare bene aggiungendo, se necessario, un poco di brodo.
Quando si sarà ben ammorbidito toglierlo dalla padella versandolo in una ciotola.
Rimettere la padella sul fuoco alzando leggermente la fiamma, versare il riso e farlo tostare molto bene quindi aggiungere il brodo ben caldo e proseguire la cottura del riso aggiungendo poco brodo alla volta e mescolando in continuazione.
Portare alla cottura il riso e nel frattempo tagliare l'Asiago a dadini piccoli.
Quasi al termine della cottura aggiungere il cipollotto, assaggiare il riso e, eventualmente, aggiustare di sale e pepe.
Togliere la padella dal fuoco, aggiungere l'Asiago e mantecare bene il riso aggiungendo un poco di brodo per eventualmente ammorbidirlo e renderlo all'onda.
Servire in piatti caldi decorando con qualche fogliolina di menta.
Stampa il post

1 commento:

  1. Ciao Gianni! Hai ragione, il riso consente di spaziare davvero con la fantasia, io adoro i risotti. Mi piace anche la versione saltata in padella e croccante e l'idea di accompagnarlo ad altri piatti proprio come accompagnamento, ma il risotto...è sempre il mio preferito. Un riso come questo, legato e morbido grazie al formaggio, con quella punta di freschezza mentolata e lo zafferano...promette non bene, benissimo!
    Spero stiate tutti bene, saluta la Manu.
    Un abbraccio e buona giornata, Vale

    RispondiElimina