giovedì 4 settembre 2014

FRENCH CHOCOLATE CAKE DELLA VAN PELT


























Come ho già avuto modo di dire in altro post, da fine maggio gestisco con mio fratello il bar ristorante della Club House di un circolo di tennis di Brescia, uno dei più vecchi e conosciuti della città.
Stiamo cercando di dare un impronta più personale rispetto al passato ma è sempre complicato rimuovere vecchie abitudini.
La scelta dei dessert da proporre è una delle più ardue anche perché non ne abbiamo un consumo elevato per cui sto cercando di selezionarne alcuni da poter proporre. Non rientrando i dolci tra le mie preferenze mi sono permesso di chiedere qualche suggerimento alle amiche blogger ponendo come vincolo la rapidità, la possibilità di conservazione e naturalmente anche l'estetica.
Mi hanno risposto in tante mettendomi ancora più in difficoltà; sto sperimentando i suggerimenti proposti ,magari aggiungendo qualche tocco personale, e quanto prima metterò al corrente delle scelte.


Qualche giorno fa la carissima Alessandra ha inaugurato il suo nuovo blog An Old Fashioned Lady e tra le prime proposte c'era questa torta che mi ha subito ispirato.
Ho provato a farla e visto che c'erano alcune persone a cena l'ho proposta e servita.
Risultato? È piaciuta molto, in particolare l'abbinamento con la namelaka è stato molto apprezzato e quindi entrerà di sicuro a far parte delle mie proposte per i dessert visto che "fa la sua porca figura".
L'ho subito rifatta anche per fare le fotografie visto che con la prima sono stato preso in contropiede.
Per non smentire quanto riporta Alessandra nel suo post (qui) quando l'ho fatta la prima volta ho aggiunto anch'io un "senza" visto che nell'accingermi a dosare gli ingredienti, la bilancia digitale ha deciso di smettere di funzionare e, visto che la bilancia meccanica che ho in alternativa è totalmente inaffidabile, sono andato, come si suol dire a occhio, a sentimento.


La prima volta ho seguito le dosi di Alessandra ma visto che utilizzo una tortiera da 22 cm, la seconda volta ho modificato i quantitativi mantenendo inalterate le proporzioni. Per semplicità ho aumentato le uova (da 3 a 4) e andando in proporzione con gli altri ingredienti.
Differentemente da quanto indicato sa Alessandra ho foderato solo il fondo della tortiera con carta forno e unto con burro le pareti dell'anello; la torta si è sformata perfettamente.
Non ho potuto usare il forno statico in quanto quello presente ha solo la modalità ventilata e dopo 25 minuti la torta era cotta perfettamente.
Per quanto riguarda la namelaka chiaramente le dosi indicate nella ricetta sono esagerate per l'utilizzo in questo caso ma sono sicuro che quella rimasta non durerà molto. A proposito, nota a margine; da quando mio fratello ha provato la namelaka sono costretto a sorvegliarla perché ogni scusa è buona per mangiarla,
E visto che ho nominato Santin concludo come solito fare lui: "Che dire? Provatela e fatemi sapere".

INGREDIENTI (per 8 porzioni)
155 g di cioccolato fondente (io al 70%)
75 g di burro a pezzetti
4 uova medie intere
115 g di zucchero semolato
27 g di farina
Un pizzico di sale
Qualche goccia di estratto di vaniglia
Zucchero a velo per decorare
8 fragole
Foglioline di menta
Per la namelaka vedi qui

PREPARAZIONE
Per la preparazione della namelaka vedi qui.
Fare sciogliere a bagnomaria il cioccolato e quando comincia a sciogliersi, aggiungere il burro a pezzetti e mescolare fino a quando non si sarà completamente sciolto e amalgamato. Togliere dal bagnomaria e lasciare intiepidire.
In una ciotola ben capiente montare i tuorli con lo zucchero fino a quando si saranno schiariti e saranno soffici e spumosi. Aggiungere ai tuorli il cioccolato fuso nel composto montato ed amalgamare il tutto delicatamente con un cucchiaio di metallo. Versare le gocce di vaniglia e mescolare.
Aggiungere al composto la farina ed il sale setacciati ed incorporarli delicatamente. Si deve evitare il più possibile di smontare il composto. 
Montare gli albumi a neve ben ferma e incorporarli al composto mescolando dal basso verso l'alto per non smontare il composto. Visto che mano a mano che viene aggiunto l'albume la massa lo incorporerà più facilmente ho applicato un suggerimento colto in una trasmissione del mio mito Maurizio Santin. Ho versato un cucchiaio di albume montato e l'ho ben amalgamato al composto quindi ho ripetuto l'operazione aumentando sempre la quantità di albume montato fino al completamento. In totale ho ripetuto l'operazione 5 volte e ho ottenuto che il composto finale risultasse ancora ben montato.
Versare nella teglia ed infornare a forno già caldo a 180°C per 25 minuti.
Lasciare raffreddare nello stampo per una decina di minuti trasferendo delicatamente la torta sul piatto di portata. Spolverare abbondantemente con lo zucchero a velo, tagliare le 8 porzioni e servire in un piatto con un cucchiaio di namelaka e decorare una fragola aperta a ventaglio e foglioline di menta.
Stampa il post

8 commenti:

  1. se abitassi dalle tue parti, avrei il tavolo prenotato, a pranzo e a cena: e magari, sarebbe pure la volta che mi darei seriamente al tennis: ma solo per smaltire i milioni di calorie che mi toccherebbe ingurgitare, a cominciare dalla namelaka: ogni occasione è buona per fare la tua namelaka all'arancia e ogni volta non me ne resta neanche un avanzino, da potermi mangiare in santa pace: se la fan fuori tutta, anche le amiche perennemente a dieta...
    Che dire, per il resto? per me è un onore, vedere una della ricette de mio novello blog qui sopra- e lo è ancora di più sapere che è stata apprezzata anche dai tuoi clienti: ma diamo a Cesare quel che è di Cesare e alle tue mani d'oro quell'abilità che riesce a trasformare anche i sapori più semplici in piatti irresistibili... fortunati i tennisti bresciani, insomma!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dei complimenti carissima e spero di continuare a meritarli. Comunque con la tua ricetta e con le tue spiegazioni non poteva che venire bene anzi buonissima

      Elimina
  2. Complimenti Gianni, questa torta va assolutamente provata come anche la namelaka, che ci sta a meraviglia, ne sono strasicura!... ma prima o poi ci capito dalle tue parti!!! un bacione!

    RispondiElimina
  3. Fantastica, Gianni, e spettacolare abbinata alla namelaka, il problema con i dolci da proporre è la possibilità che si mantengano per qualche giorno, visto che i golosi sono sempre meno dei clienti!
    ;)
    Buon lavoro e alla prossima :)
    Proverò anche io a realizzarla, ma su Alessandra e le sue ricette , non ci sono dubbi !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione e mi capita anche con le piadine che da quando le hanno provate sono sempre più richieste

      Elimina
  4. ps Mancano le dosi di alcuni ingredienti dell'elenco ;)

    RispondiElimina