martedì 18 febbraio 2020

POLLO FRITTO ALLA TOSCANA DI MIA ZIA LISA


Chi mi conosce sa che ho trascorso una breve parte della mia vita a Siena città che comunque occupa un posto rilevante nel mio cuore.
A Siena è nato mio fratello e quando mia madre era in attesa per un certo periodo sono venuti da noi anche mia nonna Anna, mio zio Claudio e mia zia Lisa.
Ora non ricordo chi ma qualche amica di mia madre le fece assaggiare questa versione di pollo fritto e da allora è diventato il cavallo di battaglio di mia zia.
Qualche mese fa mia zia Lisa è stata ospite di mia madre e una sera siamo andati a cena da lei e la zia ha preparato questa ricetta.
La Manu non mangia assolutamente il pollo con qualsiasi tipo di cottura ma, quella sera, incuriosita dall'aspetto e dal profumo lo ha assaggiato e ... se ne è innamorata.


Mi sono fatto quindi dare la ricetta da mia zia e ho provato a farlo.
Quello che ho fotografato è la mia prima volta.
L'ho rifatto altre due volte ed è andata sempre meglio.
L'ultima la Manu mi ha detto che sono sulla buona strada per arrivare a quello di zia Lisa
Personalmente non smetterei di mangiarli


Ho deciso di pubblicare oggi questa ricetta perché mia zia Lisa compie ... Dai non si dicono gli anni delle signore.
Tanti, tanti, tanti cari auguri




INGREDIENTI (per 4 persone)

8 sovra cosce di pollo senza pelle
1/2 litro di latte intero
1 bicchiere di vino bianco
1/2 bicchiere di brodo di pollo
75 g di formaggio grana grattugiato
75 g di pane grattugiato non troppo finemente
2 uova
80 g di burro
Olio di semi di girasole
Rosmarino
Salvia
Sale
Pepe

PREPARAZIONE

La sera prima, prendere le sovra cosce e, con l'aiuto di uno spelucchino eliminare l'osso quindi tagliarle a metà in senso perpendicolare all'osso tolto, avvogerle e fermrle con uno stuzzicadente
Mettere i pezzi di carne in una pirofila con un giro di sale e pepe, aggiungere la salvia e il rosmarino e coprire con il latte. Lasciare riposare tutta notte in frigorifero.
Miscelare insieme il pane grattugiato e il grana; sbattere le uova con sale e pepe.
Asciugare bene i pezzetti di pollo, passarli nell'uovo quindi nella miscela grattugiata e tenerli da parte in frigorifero per una mezz'ora. Volendo si può fare una doppia impanatura.
In una pentola portare l'olio di semi a una temperatura di 170-180° quindi friggere i pezzi di pollo pochi alla volta. Quando saranno dorati toglierli e asciugarli con carta assorbente.
Una volta fritti tutti i pezzi togliere gli stuzzicadenti (se avrete fritto bene non saranno più necessari)
In una padella fare sciogliere il burro con salvia e rosmarino quindi aggiungere i pezzi di pollo. Bagnare con il vino facendolo sfumare bene quindi cuocere per una decina di minuti.
Mettere i pezzi di pollo in una pirofila e cuocere al forno per 25*30 minuti a 180°
Servire con patate a forno o peperonata.
Aggiunta personale
Nella padella dove sono stati cotti i pezzi di pollo versare la rimanenza della miscela grattugiata con mezzo bicchiere di brodo di pollo. Mescolare bene e fare addensare fino ad ottenere una bella salsina.
Stampa il post

2 commenti:

  1. Mitooooooo! Questa ricetta la cercavo da anni. Appens posso la realizzo. Grazie!

    RispondiElimina
  2. Io sono come la tua Manu odio il pollo ma visto che a marito piace proverò cuocerlo in questo modo chissà che non cambi idea.... Buona serata.

    RispondiElimina