domenica 10 aprile 2011

SPAGHETTI ALLO SCOGLIO

Il blog Juls' Kitchen, in collaborazione con Macchine Alimentari, ha indetto il contest "Se tu fossi una ricetta" il quale prevede la partecipazione con una ricetta che ti rappresenti.
Io dico che se fossi una ricetta sarei .... degli spaghetti allo scoglio.

Spaghetti allo scoglio
Sicuramente non è facile trasformare il proprio carattere in una ricetta anche perché la tendenza insita nell'animo umano è quella di avere una grande percezione dei propri pregi ed una infinitesimale dei propri difetti.
Quindi perché mi sento rappresentato da questa ricetta?
Perché è una ricetta:
  • semplice ma non facile perchè tutti gli ingredienti hanno tempi di cottura diversi;
  • semplice ma può facilmente diventare un po' snob nella presentazione;
  • la stessa presentazione può essere opulenta ma anche minimalista (preferisco la prima)
  • adatta ad un pranzo informale ma anche ad uno importante;
  • che condivide sapori e consistenze diverse;
  • che ammette anche altri ingredienti oltre a quelli base mantenendone però la caratterizzazione;
  • che, quando la trovi nel menù, un pensierino lo fai sempre;
  • che abbina senza problemi il dolce, il piccante, il sapido e quant'altro; 
A voler essere pignoli per essere perfetta bisognerebbe dargli una componente fusion aggiungendo, che sò, olio di soia e zenzero, vista la mia propensione ad aprire la mente anche ad esperienze e culture diverse, ma per questa volta la manteniamo italiana.

Spaghetti allo scoglio


Con questa ricetta partecipo al contest di Juls' Kitchen - Se tu fossi una ricetta


Con questa ricetta partecipo al contest di Primo Piatto Quasi Fatto - Sapori e colori del Mediterraneo
INGREDIENTI (per 4 persone)

320 g di spaghetti
20 gamberi
30 cozze
40 vongole
2-3 seppioline pulite
Un polipetto precedentemente cotto
4 fette di pane per bruschetta
Prezzemolo
Peperoncino
Aglio
Olio extra vergine d'oliva
Sale
Pepe


PREPARAZIONE

Pulire le cozze e le vongole.
Prendere le seppioline, eliminare la testa e tagliare le sacche a striscioline sottili.
Togliere le teste ed il carapace ai gamberi, mantenere le code quindi inciderli per togliere l'intestino.
Tagliare a pezzetti il polipetto.

Strofinare l'aglio sulle fette di pane quindi metterlo in forno a farlo tostare.
In una padella mettere un poco d'olio EVO, un pezzetto di peperoncino e due spicchi d'aglio e fare soffriggere a fuoco moderato; dopo un paio di minuti aggiungere cozze e vongole, alzare la fiamma, coprire e fare aprire i gusci.
Intanto salare l'acqua di cottura della pasta e portare a bollore, quindi gettare la pasta.
Una volta aperte le conchiglie spegnere la fiamma eliminare gli spicchi d'aglio ed il peperoncino e togliere alle cozze il guscio che non contiene il mollusco (facoltativo).
Mettere metà del liquido che si sarà formato da parte in una ciotola.
Riaccendere la fiamma e quando ben calda aggiungere le seppioline, il polipetto, i gamberi ed una manciata di prezzemolo tritato.
Prendere le bruschette e tritarle grossolanamente a pezzettini.


Scolare la pasta uno-due minuti prima, metterla nella padella, aggiungere il succo che avevamo tenuto da parte, mescolare bene per condirla e farle assorbire tutti i sapori.
Completare così la cottura della pasta.
Servire la pasta in piatti preriscaldati, aggiungere un filo d'olio EVO a crudo e spolverare con prezzemolo tritato e con il trito di pane tostato.
Stampa il post

11 commenti:

  1. che, quando la trovi nel menù, un pensierino lo fai sempre;

    hem...se fossi tua moglie questa frase te la farei mangiare insieme agli spaghetti!!
    :))
    belloooo, ti conosco poco, ma ti ci vedo bene in questo piatto. baci baci, buona domenica!!

    RispondiElimina
  2. allora sei una ricetta molto interessante!!! Vieni bene anche in foto, complimenti! ^_^
    In bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina
  3. Grazie per la partecipazione! ricetta interessante e presentata davvero bene!

    RispondiElimina
  4. Tato, sto battendo le dita sulla tastiera senza sapere se insultarti o baciarti. Per questa volta vada per la seconda, ma stai attento a far leggere il menù.......

    RispondiElimina
  5. mamma mia come sono, li mangerei anche a quest'ora, adoro gli spaghetti allo scoglio e la tua descrizione del perché vorresti essere questa ricetta è molto carina...io avrei messo una grattatina di zenzero ;-)

    RispondiElimina
  6. Chel'offerta della bella e bella descrizione del piatto e te ..
    E la fotografia è spettacolare!
    Saluti!!

    RispondiElimina
  7. Anche se non ti conosco personalmente grazie a questa ricetta mi sono fatto un'idea su di te! Poi sarà che adoro lo spaghetto allo scoglio!!!! Bravissimo!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Gustosissimo e splendido piatto, che voglia di mare!!!!! Ciao Gianni!!

    RispondiElimina
  9. complimenti, una vera delizia per il palato!!! :-D bacioni!

    RispondiElimina
  10. Mamma mia che spettacolo di piatto! Mi ci tufferei!!!!!! Buona Pasqua e complimenti per il blog!

    RispondiElimina
  11. Che piatto meraviglioso, io adoro gli spaghetti allo scoglio ma chissà perché non l'ho mai cucunato a casa...ora prendo la tua ricetta come punto di riferimento!

    RispondiElimina