lunedì 27 novembre 2017

TARTARE DI POMODORINI DI PACHINO CON FILETTO DI ORATA


L'AIFB - Associazione Italiana Food Blogger in collaborazione con il Consorzio del pomodoro di Pachino IGP, per celebrare l'eccellenza di questo prodotto hanno organizzato per oggi, lunedì 27 dicembre 2017, una sorta di Flash Mob. I soci dell'AIFB che lo desiderano pubblicano oggi sui loro blog una ricetta inedita che ha come protagonista il pomodoro di Pachino.
Il pomodoro di Pachino è caratterizzato dalla forma a ciliegia su un grappolo a spina di pesce e da un colore molto intenso. Contiene significative quantità di licopene, un antiossidante di cui diversi studi scientifici hanno dimostrato le sue qualità salutistiche (qui). 


Ho una vera passione per le tartare siano di carne o di pesce che adoro abbinare con la frutta.
Questa volta, approfittando della consistenza e della compattezza della sua polpa ho voluto mettere al centro del piatto una tartare di pomodoro di Pachino dove l'orata e la salsa di porro servono solo a dare supporto a quello che è il vero protagonista del piatto.





Con questa ricetta partecipo al contest: Flash Mob: A tutto Pachino 2017



INGREDIENTI (per 4 persone)
400 g di pomodori di Pachino (io pomodorini a grappolo)
4 filetti di orata
2 porri
Basilico
Olio extra vergine d'oliva
Un cucchiaino di Peperoncino n° 1 - Ajì di Peperita
1 arancia
Succo di un limone
Sale
Pepe

PREPARAZIONE
Lavare i pomodorini e tagliarli a metà. Con l'aiuto di un cucchiaino eliminare i semi e l'acqua di vegetazione raccogliendoli in una ciotola.
Lasciare scolare i pomodorini per qualche minuto.
Nel frattempo pulire i porri e tagliarli finemente a rondelle.
Fare scaldare in una padella un cucchiaio di olio evo quindi aggiungere i porri e farli cuocere a fuoco moderato. Dopo qualche minuto aggiungere mezzo bicchiere di acqua calda e continuare la cottura.
Aggiungere ai porri il peperoncino e la buccia grattugiata dell'arancia.
Tagliare a dadini piccoli i pomodorini e metterli in una ciotola. Aggiungere il basilico tritato grossolanamente, una macinata di pepe e un po' di olio evo quindi mescolare bene. Regolare di sale e tenere da parte.
Versare nel bicchiere del mixer i porri con un po' di olio evo e cominciare a frullare. Se necessario aggiungere dell'acqua calda per allungare la crema e dell'olio evo a filo per renderla più morbida e liscia.
Quando avrà raggiunto la consistenza desiderata metterla da parte in caldo.
Prendere i filetti di orata e tagliare in diagonale delle strisce larghe circa un cm.
In un pentolino portare a bollore dell'acqua salata con il succo di limone quindi spegnere e togliere dal fuoco.
Appoggiare i pezzetti di orata su una schiumarola per fritti e immergerla nell'acqua calda per una ventina di secondi. Adagiare delicatamente i pezzetti di orata su un piatto.
Distribuire la crema di porri a specchio sul fondo di un piatto. Posizionare al centro un coppa pasta e riempirlo con la tartare di pomodorini. Togliere i coppa pasta e posizionare lateralmente i pezzetti di orata.
Distribuire sulla superficie qualche goccia dell'acqua di vegetazione e semini tenuti da parte e decorare con foglie di basilico.
Stampa il post

Nessun commento:

Posta un commento