sabato 25 giugno 2011

CONFETTURA DI AMARENE


Dire che questo è un periodo in cui sono molto impegnato è essere limitativo. In realtà non riesco ad avere una lasso di tempo continuativo per potermi dedicare alla cucina, al blog e alla visita dei vostri blog. Solo qualche decina di minuti rubati qua e là. Per questo spero mi scusiate se in questo periodo non riesco a seguirvi come vorrei.
Martedì sera sono passato nel negozio di frutta e verdura di Roberta. Fausto, suo marito, mi vizia; mi ha fatto trovare una cassettina di amarene colte la domenica in alta collina.


Ero indeciso di come utilizzarle visto che avevo già fatto la clafoutis ed ho pensato di fare una confettura di amarene. Ho fatto un giro notturno sui vari blog e ho visto che recentemente Zasusa ha preparato la Marmellata di ciliegie. Hoi quindi preso spunto dalla sua ricetta apportando leggere modifiche (aggiunte) per preparare la mia confettura di amarene (il termine marmellata si deve usare solo con gli agrumi, tutte le altre sono confetture).
Per questo un ringraziamento va a Fausto e a Zasusa che hanno dato il loro contributo a questa ricettta.


Con questa ricetta partecipo al contest di Dolcezze di Nonna Papera - Metti la natura sotto vetro


INGREDIENTI

1250 g di amarene pulite
700 g di zucchero semolato
1,25 dl di acqua
1 bicchierino di rum

PREPARAZIONE

Lavare e pulire bene le amarene quindi snocciolarle.
Pesare le amarene pulite e pesare lo zucchero in proporzione (500-600 g di zucchero per kg di amarene).
Mettere sul fuoco moderato una pentola capiente e versarvi le amarene e l'acqua.
Aggiungere lo zucchero poco per volta mescolando bene.
Raggiungere l'ebollizione e regolare la fiamma per fare sobbollire.


Dopo un'oretta, se volete, frullare il composto con un frullatore ad immersione.
Continuare la cottura fino a quando la confettura è pronta.
Consiglio di fare la prova piattino: versare un poco di composta su un piattino tenuto inclinato; la confettura sarà pronta quando scenderà lentamente.
Sterilizzare i vasetti facendoli bollire con i coperchi per 15 minuti, quindi metterli ad asciugare su un canovaccio pulito.


Quando la confettura sarà pronta versarla nei vasetti fino ad un cm  dalla sommità.
Con un cucchiaino versare il rum fino a velare la superficie quindi chiudere bene i vasetti e rovesciarli per creare il sottovuoto. Capovolgere di nuovo i vasetti dopo 2 ore e ripetere nuovamente un ciclo.
Una volta aperto il vasetto la confettura deve essere conservata in frigorifero.
Stampa il post

7 commenti:

  1. :(

    confettura di amarene per me è sinonimo della nonna. della sua confettura e della crostata. lei si faceva la marmellata in casa e la sua crostat era la migliore del mondo!!!
    grazie di questo bel ricordo!

    RispondiElimina
  2. mi viene l'acquolina in bocca solo a vederle le amarene, le adoro, me le hanno promesse al mercato rionale per domani mattina, speriamo, le vendono a peso d'oro, ma sono stupende e la tua ricetta mi piace molto....lo sai che i barattoli si sterilizzano mettendoli in microonde per 3 minuti solo bagnati, i coperchi no, ovviamente ma i barattoli vengono perfetti e senza tracce di calcare, tipiche della sterilizzazione attraverso bollitura...;-)

    RispondiElimina
  3. Gianni questa l'ho fatta a giugno 2010, è venuta benissimo, ti lascio il link se non trovi altro e c'è anche quella di peperoncini...
    http://unpezzodellamiamaremma.blogspot.com/2010/06/marmellata-di-cipolle-di-tropea.html

    RispondiElimina
  4. Bellissima l'adoro!!
    quella bella fettina di pane quanto mi piace ^_*
    Anna

    RispondiElimina
  5. Quella fetta di pane è irresistibile... complimenti per la ricetta e per il blog.

    RispondiElimina
  6. Ciao...in effetti, mancava qualcosa prima eh...ora ho aggiornato. Grazie di avermi inviato questa buona ricetta. A presto

    RispondiElimina
  7. l'idea del cucchiaio di rum mi piace

    RispondiElimina