giovedì 7 giugno 2012

BRIOCHES COME QUELLE DEL BAR


Come ho già avuto modo di scrivere, mia moglie è davvero golosa di dolci e tutte le mattine non può mancare almeno una brioches.
Da circa due anni la accompagno al lavoro al mattino e passo a prenderla alla sera.
Fino a qualche mese fa la sua giornata lavorativa iniziava alle 8,30 e dopo averla accompagnata, visto che il suo posto di lavoro non è molto distante da dove abita la mia mamma, ne approfittavo per andare a bere un caffè con lei e mia sorella alla Pasticceria Veneto di proprietà di uno dei più famosi pasticcieri italiani: Igino Massari.
Tra le tante golosità ci sono anche delle spettacolari brioches (parisienne, veneziane, krafen, sfoglie, ecc.) per cui, finito di bere il caffè ed aver fatto quattro chiacchere, ne facevo mettere una o due in un sacchetto e tornavo dalla Manu per lasciargliele.
Lo so. La vizio troppo ma a me piace viziare chi amo.
Ho usato il passato perché da qualche mese la Manu comincia un'ora dopo, alle 9,30, per cui viene con me a fare colazione e la brioches la mangia in pasticceria.  






È quindi normale che mi venisse voglia di fare in casa delle brioches o cornetti come quelli che troviamo al bar, per cui mi sono messo alla ricerca di una ricetta che mi convincesse.
Vagavo nella blogosfera quando mi sono imbattuto nel blog VivaLaFocaccia.com del genovese Vittorio trapiantato negli States, se ho ben compreso nella Silicon Valley.
In questo blog ho trovato tante ricette interessanti, tutte riguardanti prodotti da forno, che Vittorio, figlio di un fornaio che aveva la bottega nel centro storico di Genova, ha adattato per essere realizzate in casa con attrezzature non professionali.
Tra l'altro, per tante ricette, sono presenti dei video passo passo che spiegano bene soprattutto come devono essere manipolati gli impasti
Qui trovate la video ricetta delle brioches; ho seguito esattamente le indicazioni di Vittorio e, nonostante fosse la prima volta, sono venute benissimo.
Purtroppo il profumo che ha inondato la casa durante la cottura non si può riprodurre ma, fidatevi, era straordinario.













INGREDIENTI (per 16 brioches)
250 g di farina Manitoba
250 g di farina 00
50 g burro ammorbidito (temperatura ambiente)
25 g di lievito di birra
150 ml di latte
170 g di zucchero semolato
2 uova
1 bacca di vaniglia
Zucchero a velo


PREPARAZIONE
Nel vaso della planetaria versare le due farine, lo zucchero, il burro a pezzetti, le uova ed i semi della bacca di vaniglia quindi cominciare ad impastare alla minima velocità.
Fare sciogliere bene nel latte tiepido (max 30°C) il lievito di birra poi aggiungerlo nel vaso e continuare ad impastare fino ad ottenere un impasto fine ed elastico. Dopo 5 minuti fermare la planetaria e raschiare l'impasto che si sarà depositato sulle pareti del vaso. 
Riprendere ad impastare e dopo 5 minuti aumentare la velocità; continuare per altri 10 minuti. Ogni tanto spoverare di farina le pareti del vaso per facilitare il distacco dell'impasto.
Ottenuto l'impasto liscio ed elastico versarlo sulla spianatoia, lavorarlo un poco a mano e dividerlo in due parti uguali.
Impastare la prima parte (consiglio di vedere il video perché si capisce benissimo come deve essere manipolato l'impasto) fino ad ottenere una palla.
Ripetere l'operazione con l'altra parte.
Prendere due contenitori di plastica, infarinarli o imburrali e mettere in ciascuno una delle due palle.
Lasciare lievitare 2 ore nel forno con la luce accesa.
Trascorso il tempo della lievitazione prendere una palla e con il mattarello ottenere un disco di circa 30 cm di diametro. Tagliare in 8 parti con una rotella o con un coltello.
A questo punto, volendo potete mettere la farcitura (marmellata, Nutella, ecc.); io le ho lasciate "vuote".
Inumidire la parte centrale con un po' di acqua in modo che la punta dei cornetti si sigilli meglio.
Partendo dalla parte più larga arrotolarli con una mano e con l'altra, ad ogni mezzo giro, tirare un po' la punta in modo che si allunghi; terminare sigillando la punta, metterla nella parte inferiore e piegare un poco le punte per formare la classica forma a cornetto. Ripetere l'operazione con tutti i triangoli e con l'altra palla.
Al termine ci saranno 16 brioches.
Io ho deciso di cuocerne 6 mentre le altre 10 le ho congelate.
Per congelarle metterle, staccate una dall'altra, su un vassoio con un foglio di carta forno con un po' di farina, coprirle con la pellicola e inserirle nel freezer per 12 ore trascorse le quali saranno congelate e si potranno mettere in un sacchetto da freezer senza pericolo che si attacchino. Per utilizzarle toglierle dal freezer la sera, metterle in un vassoio con carta forno ungerli con olio e coprirli con la pellicola quindi mettere nel forno con la luce accesa tutta la notte ed al mattino cuocerle.
I cornetti che vorrete preparare metterli su una teglia con un foglio di carta forno e posizionarli con un certo spazio tra uno e l'altro. Per evitare il formarsi della crosta spennellare leggermente la superficie con olio e coprire con la pellicola tenuta morbida.
Mettere nel forno con la luce accesa per almeno 3 ore; io le ho lasciate 6 ore.
Togliere la taglia dal forno ed accenderlo a 180°C.
Togliere la pellicola e spennellare la superficie delle brioches con un tuorlo d'uovo leggermente sbattuto con un po' di latte.
Per favorire una cottura più uniforme trasferire il foglio di carta forno con le brioches dalla teglia su ana griglia e posizionarla a metà forno. Fare cuocere per 15 minuti. Dopo 10 minuti, se la superficie, come nel mio caso, ha già preso colore, coprire con un foglio di alluminio.
Togliere dal forno e lasciare raffreddare su una gratella quindi spolverare la superficie con zucchero a velo.
N.B. : Le bacche di vaniglia usate (svuotate dei semi) le riutilizzo mettendole nel vaso dello zucchero che così ne assorbirà l'aroma.
Stampa il post

10 commenti:

  1. Che belle Gianni, sono venute benissimo!! Mi ricordi mi papà che fino a poco tempo fa, a dicembre dello scorso anno, accompagnava e recuperava mia mamma dal lavoro,facendole trovare sempre il frigo pieno. Ora mia mamma è a casa in pensione, ma le buone abitudini non si perdono a quanto pare; lui fa il pane, prepara i suoi sughetti meravigliosi e ...lei se li gusta tutti:))
    Quindi, continuate così tu e la Manu!!
    Un abbraccio e ... il mare si avvicina, a prestooooo
    Vale

    RispondiElimina
  2. Ma che bravo marito sei!!! La Manu è fortunata!!
    Un bacione a tutti e due

    RispondiElimina
  3. Hanno un aspetto meraviglioso.
    Tua moglie è molto fortunata ;-)

    RispondiElimina
  4. Li vorrei domattina per colazione! Altro che bar, queste brioches sono sofficissime!

    RispondiElimina
  5. È vero, mi vizia. Ma a me piace tanto farmi viziare. E poi, secondo voi, perché ho aspettato i 40 per sposarmi? Dovevo essere sicura di trovare quello giustooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. mi inginocchio davanti a questo spettacolo di pasticceria!!!! sei davvero un grande! mi sa che prima o poi ci provo...stracomplimentissimi Gianni e un saluto alla golosa della famiglia.....:-))))))

    RispondiElimina
  7. Ciao tua moglie e' mooooolto fortunata! Se poi sforni anche queste bonta' lo e' ancor di piu'!!!!

    RispondiElimina
  8. Le ho fatte anch'io, sono buonissime. Ti sono venute perfette!!!

    RispondiElimina
  9. se si tratta di brioche io arrivo subito!ne provo sempre diverse e le adoro tutte :P
    ti son venute davvero belle!
    ne prendo volentieri un centinaio!:D

    RispondiElimina