domenica 17 giugno 2012

PETTO D'ANATRA ALL'ACETO BALSAMICO



E' passato un po' di tempo dal mio ultimo post ed il motivo è che prima sono stato preso dal lavoro e poi, la Manu ed io, dopo quasi 2 anni, ci siamo concessi 7 giorni di vacanza o, meglio, di riposo.
Avevo comunque portato con me il mio Vaio pensando di potermi dedicare al blog per fare alcune sistemazioni e modifiche che è un po' che frullavano nella mente ma, purtroppo, la connessione internet non era delle più felici per cui ho dovuto rimandare.
Ho parzialmente riposato anche ai fornelli nel senso che ho comunque sempre preparato qualcosa ma mai nulla di impegnativo e particolarmente elaborato.
In compenso ho dedicato molto tempo a leggere a fare passeggiate con la nostra cagnolina Ginger ed è servito molto a migliorare il nostro rapporto. Prima quando mi vedeva con in mano il guinzaglio si spalmava a terra e mi guardava con un espressione tristissima, adesso, appena lo prendo, corre subito alla porta per uscire.
Sono molto soddisfatto perché io ho imparato a farmi ubbidire e le ad ubbidire. Dico imparato perché la precedente cagnolina, Daisy, mi aveva eletto immediatamente come capo branco e, in mia presenza, non faceva nulla se prima non avesse avuto la mia approvazione. Con Ginger è diverso perché è una ribelle ed avevo l'impressione che riuscissi a farle fare determinate cose solo perché le incutevo un po' di timore.
Adesso vedo e sento che mi ubbidisce perché rispetta i ruoli e non semplicemente per paura. E, scusatemi, ma sono molto soddisfatto di ciò.





Questo piatto non l'ho preparato in questi giorni ma qualche settimana fa ed aspettavo il momento di pubblicarlo. 
Confesso che fino a poco tempo fa non avevo mai preparato il petto d'anatra ma, per me, è stata una grande scoperta per il sapore e per la versatilità e, mentre sto scrivendo queste righe, mi è venuto in mente un altra ricetta che potrei adattare al questo taglio di carne.
Controllando bene ho visto che son ben 8 i piatti che ho già preparato e fotografato e che attendono di essere pubblicati; mi sa proprio che devo completare i post e pubblicare anche queste ricette.



INGREDIENTI (per 4 persone)

2 petti d'anatra
4 cucchiai d'olio
1/2 bicchiere di aceto balsamico
Pepe
Sale

500 g di patate novelle
Insaporitore per patate Ariosto
Rametti di rosmarino
Salvia
Sale


PREPARAZIONE

Sbucciare, lavare e tagliare, a pezzetti il più possibile simili, le patate; asciugarle e metterle in un unico strato su una teglia con carta forno unta con un poco d'olio evo; spolverizzarle con l'insaporitore della Ariosto, aggiungere 2-3 rametti di rosmarino, qualche foglia di salvia e salare.
Mettere nel forno a metà a 180°C per circa 45-50 minuti.
Prendere i petti d'anatra salarli e peparli da ambedue i lati.
In una padella mettere l'olio e quando è ben caldo unire i petti d'anatra dalla parte della pelle.
Fare cuocere per un paio di minuti tenendoli premuti sul fondo con una paletta; continuare poi la cottura per altri 2 minuti.
Girare i petti d'anatra e far cuocere per altri 4-5 minuti.
Togliere i petti d'anatra dalla padella e metterli su una teglia con carta forno e infornare a 125° per 20 minuti.
Fare sfumare bene i succhi di cottura dei petti con l'aceto balsamico e fare restringere della metà.
Terminata la cottura dei petti avvolgerli in carta d'alluminio e metterli a riposare nel forno socchiuso a 80° per un quarto d'ora.
Prendere i petti d'anatra e scalopparli a fettine di circa mezzo centimetro.
In un piatto posizionare le fette di petto d'anatra, nappare con l'intingolo ristretto e completare con le patate novelle al forno.
Stampa il post

4 commenti:

  1. E ci credo che sei soddisfatto! Lo sarei anche io in così poco tempo, di dominare una cagnetta rivelle di natura! fantastico!
    E fantastica anche la ricetta. Io ho fatto una cosa simile per pranzo, con l'aceto di lamponi, solo che senza forno. Era davvero buono.
    Bentornato mio caro. Anche il mio blog è tornato, da venerdì con un 'onda di cambiamenti.
    Un abbraccio a tutti in casa e una carezza alla ribelle domata.

    RispondiElimina
  2. sono felice che la vostra vacanza sia andata bene, su tutti i fronti direi! forse è stato un bene che la connessione ad internet non funzionasse a dovere, almeno così hai potuto staccare proprio da tutto.
    buonissimo anche questo piatto Gianni. Io cucino l'anatra normalmente in autunno/inverno, aggiungendo sempre qualche nota profumata o dolciastra. Quello che ho imparato però, nei vari esperimenti, è di fare attenzione alla cottura. Sarà perché in fin dei conti non sono molto abituata a questa carne, ma a mio avviso, se rimane troppo cruda mantiene quella punta di selvaggina che me la rende ostica. Quindi...cuocio a dovere e incrocio le dita :))
    Un bacione e buona settimana,
    Vale
    adesso mi preparo la merenda e poi...ufficioooooooooooo

    RispondiElimina
  3. Mai cucinato il petto d'anatra, incute timore anche a me, ma certo che a vedere il tuo un assaggio lo farei volentieri.
    Per quanto riguarda la cagnolina non so cosa dirti, io di cani non ne ho mai avuti, in compenso ho due figli e, anche lìè, occorre far capire subito chi sono i capobranco!!! ;)

    buona settimana

    loredana

    RispondiElimina
  4. Mai cucinato ma dev'essere uno spettacolo! Ha un aspetto davvero invitante. Sembra anche semplice da fare percio' non mi resta che provarlo!

    RispondiElimina