mercoledì 7 settembre 2011

ZUPPA DI CIPOLLE ALLA GALLURESE

 
Ho scoperto la Sardegna solo 4 anni fa e questo grazie al mio amico Luciano che mi ha dato la possibilità di utilizzare la sua casa a Stintino acquistata da suo padre negli anni 70 quando la zona era ancora poco conosciuta. La casa è affacciata su quello che è chiamato Porto Mannu e per me è un piacere percorrerlo tutto, al mattino presto, andando in paese a bere il primo caffè della giornata.
Il mare è, naturalmente, straordinario e La Pelosa, al mattino, arrivando dal paese, data l'angolazione del sole, ti regala un'immagine i cui colori, azzurro, verde, assumono così tante tonalità che non riesci neppure a contarle e, ogni volta, mi stupisco di quale grande pittore sia la natura.

Il mare alla Pelosa
La vita da spiaggia non fa per me e ogni 2-3 giorni devo inserire qualche giro per visitare qualche posto: Porto Cervo, Alghero, Castelsardo, Lago di Coghinas, Asinara e tanti altri postinell'interno della Gallura.
Confesso; il mare è straordinario ma sono rimasto piacevolmente sorpreso dell'interno: i sughereti, le colline riarse di vago ricordo toscano, i chilometri percorsi senza un paese, una casa. Splendido.

Insenatura presso Palau
Quando siamo andati a Castelsardo e, in zona, a vedere la roccia dell'elefante, ci siamo fermati a mangiare in un locale in cetro di cui, purtroppo, non ricordo il nome. Prima di una spettacolare grigliata di pesce ho mangiato la zuppa di cipolle che propongo in questa ricetta. Premesso che le cipolle mi piacciono molto, secondo me, l'abbinamento con il pane carasau e il pecorino è veramente da urlo.


La roccia dell'elefante presso Castelsardo
Solo il "porceddu" di Piras mi è piaciuto almeno quanto questa zuppa ma sarebbe stato complicato provare a rifarlo e, sinceramente, preferisco andarmelo a mangiare da lui.
Contrariamente alle mie convinzioni devo dire che ho apprezzato molto di più i piatti, per così dire, di terra rispetto a quelli di mare.

Tramonto con l'Asinara dal traghetto al ritorno
Ci troviamo talmente bene che ogni volta che si parte per tornare sul continente è normale che aleggi un velo di tristezza am c'è sempre viva la speranza di ritornarci presto.




Con questa ricetta partecipo al contest de La nuez moscada - Ricordi di viaggio




INGREDIENTI (per 4 persone)

Pane Carasau
4 cipolle bianche grandi
100 g di pecorino sardo stagionato
100 g di Fioretto sardo a media stagionatura
Brodo vegetale
Rametti di mirto
Olio extra vergine d'oliva
Pepe

PREPARAZIONE

Ideale sarebbe utilizzare un pentola di terracotta; io non posso usarla perché utilizzo il piano a induzione.
Tagliare le cipolle a fettine abbastanza sottili.
In una padella versare un filo d'olio EVO e un paio di rametti di mirto. Appena caldo togliere il mirto e aggiungere le cipolle.
Rosolarle a fiamma moderata e quando cominciano a divenire trasparenti aggiungere un mestolo di brodo ben caldo. Continuare la cottura aggiungendo il brodo per tenerle costantemente umide.
Portare a cottura le cipolle (devono essere morbide ma non devono spappolarsi), aggiungere una macinata di pepe ed un paio di mestolini di brodo.
In una ciotola fare uno strato di pane carasau, fare quindi uno strato di cipolle bagnando bene con il brodo il pane sottostante. Mettere una manciata di formaggio stagionato grattugiato e di fioretto sardo a lamelle sottili. Ripetere gli strati: pane carasau, cipolle e brodo, formaggi.
Decorare con un rametto di mirto. 
Stampa il post

23 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Buone le cipolle!! Mi sembra davvero un ottimo piatto!
    Buona giornata!!

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia questa zuppa, io adoro le cipolle!!! Complimenti anche per le bellissime foto!!!

    RispondiElimina
  4. mamma mia Gianni cosa hai rievocato nella mia mente!!!!!! Sono stata a Castelsardo anni fa ed ho una foto proprio davanti all'elefante come te =) Bellissima e ottima la zuppa! Grazie son quasi commossa =) baci

    RispondiElimina
  5. E bravo! Eravamo vicini vicini e non ti sei fatto vedere!
    Buona la zuppa gallurese!

    RispondiElimina
  6. Santo Cielo Gianni, mi hai fatto tornare alle vacanze della mia infanzia e adolescenza..quando tornavo in Sardegna per la visita ai nonni ed ai parenti aprofittando delle vacanze estive...queta ricetta (a parte il pecorino stagionato che non mi piace) è stupenda..ihihihi io il porcellino lo mangio di solito a Pasqua e a Natale preparato fuori allo spiedo dal mio paparino..mhmmm che buonooooo...
    Un abbraccio e grazie per le fantastiche immagini che ci hai donato :))

    RispondiElimina
  7. Sardegna,non ci sono mai stata ma con queste foto mi hai fatto venire una voglia di viaggiare....vediamo l'anno prossimo...
    complimenti per la ricetta!!!

    RispondiElimina
  8. adoro la Sardegna e Stintino è un perla in mezzo a tanti gioielli...io vado tutti gli anni, meno questo, per lavoro siamo rimasti a Roma, ma la sto sognando ti giuro, è una terra che adoro, ricca di aromi, di odori e di gente stupenda, lo sai che io mi ero portata a Roma tutti gli arbusti che sono in Sardegna e anche in Toscana, lo sai che prima della deriva dei continenti la sardegna era unità alla toscana? infatti in toscana, c'è il lentisco, il mirto e il corbezzolo, sarà anceh per questo che è una regione che amo molto, meno che il porcellino amo tutto quello che cucinano...;)

    RispondiElimina
  9. Bellissime immagini di paesaggio..
    Anche la ricetta buona da vedere, ma soprattutto da provare. Bye

    RispondiElimina
  10. Che splendide immagini, non sono mai stata in Sardegna!

    RispondiElimina
  11. Bei posti e anch'io, come te, amo visitare l'interno piuttosto che crogiolarmi al sole per giorni e giorni. Questo piatto non l'ho mai provato...prendo nota

    RispondiElimina
  12. E con quei paesaggi mozzafiato ci vuole proprio una bella zuppa saporita...mi piace!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  13. anche noi abbiamo scoperto la gallura qualche anno fa grazie ad amici e da allora non l'abbiamo più abbandonata! tranne quest'anno, che siamo andati negli stati uniti e se sei passato da me hai visto cosa è successo... l'anno prossimo sardegna, sardegna e ancora sardegna!!!
    questa zuppa la devo fare assolutamente, a s. teresa la mangio sempre. grazie per la ricetta!

    RispondiElimina
  14. Buone le cipolle, fino ad ora conoscevo solo la zuppa di cipolle francese, questa è un'altra alternativa super!!!! baci
    Foto da cartolina!!!! splendide come i luoghi!

    RispondiElimina
  15. Bellissimo post caro Gianni, che magnifiche foto!!!! Gustosa questa zuppa, adoro le cipolle!!

    RispondiElimina
  16. Anche a me le cipolle piacciono tanto e questa zuppa mi piacerebbe provarla. Solo non so dove trovare il mirto!

    RispondiElimina
  17. Ciao e piacere di conoscere te e il tuo blog!!Che deliziose ricette...Ho letto del tuo contest e parteciperò molto volentieri,intanto ho inserito il logo nel mio blog e mi sono unita tra i tuoi sostenitori!!
    Se ti fa piacere ho appena indetto un contest anch'io vieni a dare un occhiata :) A presto col link della mia ricetta io adoro i sandwiches ;) Ciao Federica!!

    http://oradeltea.blogspot.com/2011/09/lora-del-teail-contest.html

    RispondiElimina
  18. ciao Gianni, complimenti per il post e grazie mille per aver partecipato al mio contest e soprattutto per aver condiviso i bellissimi ricordi e quei paesaggi spettacolari con tutti noi! La Sardegna è una delle mete italiane che ahimé non ho ancora visitato, non sai che voglia mi hai messo di fare una piccola valigia e prendere il primo volo o il primo traghetto per questa meravigliosa terra! purtroppo però gli impegni me lo impediscono, vorrà dire che mi consolerò con questa gustosissima zuppa di cipolle (adoro la zuppa di cipolle e questa versione con pane carasau e formaggio di pecora la devo assolutamente provare!). Se ti va di partecipare con altre ricette/ricordi di viaggio ti aspetto molto volentieri (la scadenza è prolungata al 30 settembre). Un abbraccio

    Benedetta

    Ps. ho cambiato da tempo il logo del contest, solo se ti è possibile potresti cambiarlo? (cmq non è assolutamente un problema! ^^)

    RispondiElimina
  19. Complimenti per il blog!! davvero originale ^_^
    Passa a trovarciiiii,ti aspettiamo :)

    RispondiElimina
  20. Che bellissimi posti che ci sono in Italia, da rimanerci a bocca aperta, le tue foto sono strepitose e la zuppa invitante..complimenti e buon w.e.!

    RispondiElimina
  21. ah la sardegna... super bella!!! sono felice che ti sia rimasta nel cuore! io ci passo tutte le mie vacanze e me ne innamoro sempre più... e poi i suoi piatti, sono un inno alla bontà come le tua ricetta di oggi: favolosa!!! baci

    RispondiElimina
  22. la mia seconda terra :) i posti che hai visitato sono bellissimi ma anche giù il sud non è da meno! zuppa di cipolle? buonaaa!! non mi arrivano i tuoi aggiornamenti in blogger! ciao buona serata

    RispondiElimina
  23. Ottime le cipolle nella zuppa! CIAO SILVIA

    RispondiElimina