domenica 22 aprile 2012

GNOCCHI DI CASTAGNE CON FONDUTA E FUNGHI PORCINI


Nel mese di marzo per partecipare a Recipe-tionist di Cuocicucidici si doveva preparare un piatto scegliendo tra quelli presenti nel blog di Valeria Murzillo Saporito. Tra le varie avevo scelto di preparare il filetto di pesce persico al frutto della passione ma ero stato indeciso se, in alternativa, preparare questi gnocchi. (Qui la ricetta di Valeria)
Qualche giorno fa mettendo un po' di ordine in dispensa mi è capitata tra le mani la farina di castagne contenuta nel pacchetto regalo che mi aveva mandato a suo tempo Patrizia di La Melagranata per la vittoria nel suo contest. Mi sono ricordato immediatamente di questa ricetta e, anche se non siamo propriamente in stagione, l'ho rifatta a modo mio.

























INGREDIENTI (per 4 persone)
400 g di patate rosse
200 g di farina di castagna
50 g di farina 0
1 uovo
Sale
250 g di fontina
250 ml di latte crudo
2 tuorli d'uovo
Mezzo cucchiaino di noce moscata
1 noce di burro
250 g di funghi porcini freschi o surgelati
1 spicchio d'aglio
Olio extra vergine d'oliva

PREPARAZIONE
Tagliare la fontina a dadini, metterla in una ciotola, coprirla con il latte e  lasciarla in infusione per un paio d'ore.
Lessate le patate; quando saranno cotte schiacciarle con lo schiacciapatate e versarle nel vaso della planetaria. Unire l'uovo, le due farine e impastare fino a che l'impasto non si stacca facilmente dalle pareti del vaso.
Se volete potete prendere l'impasto e sulla spianatoia spolverata di farina, formare dei cilindretti e tagliarli a pezzetti. Schiacciare i pezzetti ottenuti usando i rebbi di una forchetta. (#)
Preparare la fonduta facendo sciogliere, a fuoco lento, la fontina con il latte, il burro e la noce moscata. Quando il formaggio si sarà sciolto aggiungere i tuorli d'uovo precedentemente sbattuti e continuare a cuocere per circa 10 minuti continuando a mescolare.
In un padellino versare un po' di olio EVO, unire lo spicchio d'aglio e di seguito i funghi tagliati a dadini. Cuocere a fuoco moderato.
Versate gli gnocchi nella pentola d'acqua bollente; quando saranno saliti a galla, toglierli con una schiumarola e condirli con la fonduta.
Versare nel piatto caldo e completare con i funghi trifolati.

(#) Io ho voluto renderli "più rustici" ed irregolari per cui: portare a bollore abbondante acqua salata, bagnare con l'acqua stessa un cucchiaino, prelevare un po' di impasto ed immergere il cucchiaino nell'acqua bollente in modo che si stacchi da solo. Quindi procedere come precedentemente indicato.
Stampa il post

5 commenti:

  1. caspiterina Gianni, questa è una ricetta da fare subito, se fino ad oggi invocavo un pò di tepore primaverile adesso spero in altri 3-4 giorni di freddo, ma che poi chissenefrega delle temperature esterne, io mangio pasta e fagioli anche d'estate!

    RispondiElimina
  2. Ciao sono Maria scopro il tuo delizioso blog grazie al libro i-kitchen. Ma che belle ricette!!!

    RispondiElimina
  3. adoro questi gnocchi Gianni, sto capottando dall'invidia mentre guardo questo piatto!!!super!!
    un bacione alla family,
    Vale

    RispondiElimina
  4. Ciao Gianni! Che meraviglia di primo piatto... io gli gnocchi li mangerei in qualsiasi modo, sono irresistibili e si adattano ad ogni condimento!
    E tu, con l'impiattamento perfetto e la foto dettagliata mi hai fatto venire l'acquolinaaaaa!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Se mi avanza della farina di castagne ora so come utilizzarla, ottima ricetta! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina