mercoledì 10 ottobre 2012

PASTA ALLA GRICIA


A settembre avevo pubblicato la mia Cacio e pepe e, su Facebook, la mia amica Ilaria del blog Iaia in cucina con semplicità mi fece i complimenti e mi disse che quel giorno aveva preparato un'altra pasta tipicamente romana: la pasta alla gricia.
Incuriosito, avendola sentita nominare ma non conoscendone la ricetta, sono andato a cercarla e, sorpresa, ho scoperto che è praticamente la carbonara senza l'uovo.
Io adoro la carbonara e la preparo, sempre insieme alla Manu, con una piccola variante rispetto all'originale; infatti montiamo le uova prima di aggiungerle alla pasta con il risultato che risulta un condimento molto più cremoso (ricetta qui).
La carbonara piace molto anche a mia suocera tanto che, visto che soffre di inappetenza, per farla mangiare la si deve preparare spesso. Spesso vuol dire almeno una volta alla settimana con una punta di 5 volte nella settimana trascorsa in vacanza.
Vista la somiglianza delle due ricette ho voluto prepararle la pasta alla gricia e alla damonda se le piaceva, la sua risposta è stata perentoria: "Non è male ma preferisco la carbonara."














INGREDIENTI (per 4 persone)
320 g di pasta di grano duro (rigatoni o mezze maniche)
100 g guanciale a dadini
Pecorino romano grattugiato
2 cucchiai di olio extra vergine d'oliva
Pepe
Sale

PREPARAZIONE
Mettere a bollire una pentola con abbondante acqua e, quando bolle, salarla e gettare la pasta.
In una padella capiente versare l'olio EVO e rosolare il guanciale, aggiungere il pepe macinato al momento e cuocere fino a che la pancetta non risulta leggermente croccante.
Scolare la pasta un paio di minuti prima del termine di cottura e versarla nella padella e completarne la cottura aggiungendo un paio di mestolini dell'acqua di cottura.
Al termine aggiungere il pecorino grattugiato, mescolare bene e servire in piatti preriscaldati.
Completare con una bella grattata di pepe e una spolverata di pecorino.
Stampa il post

8 commenti:

  1. In realtà più che una carbonara senza uovo è una amatriciana senza pomodoro. La leggenda dice che quando i contadini andavano a pascolare le pecore e stavano lontani da casa per un periodo lungo si portavano dietro il guanciale e il pecorino oltre alla pasta... il pomodoro ancora non si conosceva... Quindi è considerata il precursore dell'amatriciana. Mettila come ti pare... ne hai fatto un bellissimo piatto... ad hoc!!! buona serata!!

    RispondiElimina
  2. mi fa venire fame! la foto parla :-D

    RispondiElimina
  3. Blog molto interessante con delle belle ricette ... allora non mi resta altro che unirmi e diventare un cocodrillo!:) Se ti va passa dalle mie parti, sei benvenuto! Ciao coco o cuoco Ganni, alla prossima! p.s. Sono d'accordo con la suoccera, questa ricetta non è niente male ma preferisco la carbonara!:)

    RispondiElimina
  4. Ciao Gianni, io di questa pasta alla gricia non avevo mai sentito parlare, forse perché qui la chiamiamo semplicemente, appunto, carbonara senza uova. Buonissima!
    Valentina

    RispondiElimina
  5. la carbonara piace anche a me tantissimo. Io avevo rubato un piccolo segreto in un ristorante nella zona di Spoleto...ero andata in cucina e mi avevano mostrato come rendere croccante la pancetta...una sfumata in padella con qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta e viaaaa, croccante al punto giusto. E poi...chi mette solo il rosso, chi l'uovo intero ma che importa in fin dei conti, ogni famiglia trova la sua ricetta perfetta!
    buon we a te e alla Manu!!
    Vale

    RispondiElimina
  6. What a simple, but great recipe! Thanks : )

    RispondiElimina
  7. Questo è uno di quei piatti che spesso si fanno anche senza sapere che è una tradizione locale antichissima di qualche posto.. si fanno perché nel buon senso del cucinare, si tratta di ingredienti che insieme sono semplici e PERFETTI. Non la conoscevo, ma l'ho fatta tantissime volte! Un abbraccio :))

    RispondiElimina