domenica 23 ottobre 2011

PROFITEROLES PER L'MTC DI OTTOBRE


Anche questo mese è arrivato il momento di postare la ricetta per partecipare all'MTChallenge e per ottobre Stefania, che ha vinto la sfida di settembre, ci ha imposto i profiteroles.
Negli ultimi tempi ho accompagnato la ricetta dell'MTC con una storiella vera o di fantasia che mi collegasse con la ricetta del mese ma con i profiteroles ..... niente! Non mi è venuto in mente niente.
Credete quindi che per questo mese vi avrei evitato ulteriori letture oltre alla ricetta? Assolutamennte no. Ho pensato di sostituire la storiella con qualcosa di differente.
Prima è comunque doverosa una premessa. Mia moglie (scherzando?) dice sempre che noi maschi facciamo funzionare un neurone alla volta mentre le donne ne fanno funzionare molti di più. Sono assolutamente daccordo solo che questo comporta che spesso i neuroni delle donne si scontrino con effetti non prevedibili. In un certo periodo, non proprio recente, della mia vita probabilmente ha avuto il sopravvento la componente dell'altrui sesso di cui tutti siamo dotati (no, non fate pensieri strani), nella fattispecie facevo funzionare più neuroni contemporaneamente e, non essendo abituato, ero, diciamo, un po' confuso su tanti aspetti della mia vita.
Allora, mentre percorrevo la mia dose quotidiana di chilometri, mi era venuta la mania di pensare delle frasi, degli aforismi che avessero attinenza con i fatti che mi accadevano. Vedevo un arcobaleno, pensavo e scrivevo delle frasi sulle mie emozioni nel vederlo; vedevo un fiume, pensavo escrivevo frasi sulla similitudine tra la mia vita ed il suo scorrere lento; etc. etc.
In definitiva ho pensato che questo mese niente storiella ma, vi beccate uno di questi scritti, ad esser sinceri, uno dei pochi con uno sfondo di ottimismo.
------------------------------
DESERTO

C'è il deserto nel tuo cuore.

Interminabile sequenza
di dune sabbiose
senza una vita
senza un fiore.

Ma anche nel deserto più arido
c'è un oasi
dove nasce la vita,
dove crescono i fiori.

Troverò l'oasi che c'è nel tuo cuore.

Costruirò arditi canali,
seminerò i fiori più belli,
creerò viali alberati,
progetterò meravigliose fontane.

Curerò un giardino
dove nasce la vita,
dove cresce l'amore.
Ci sarà il paradiso nel tuo cuore.
------------------------------
Prima di passare alla ricetta voglio esprimere la mia gratitudine a Stefania per avermi praticamente imposto di dedicarmi alla realizzazione di questo dolce. Ho deciso di seguire passa passo il suo procedimento (per la prima volta ho fatto una ricetta con il mio fedele VAIO al seguito) e la proporzione delle dosi e alla fine, lo confesso, mi sono proprio divertito.
Un grazie anche a mia moglie che ha fatto da supervisore ed in qualche passaggio mi ha dato una mano.
Ho approfittato di questa occasione per realizzare dei profiteroles in monoporzione per sponsorizzare anche il mio contest a tema "Torte in monoporzione" che terminerà il 10/01/2012 e a cui vi invito a partecipare.
Per questo motivo ho realizzato dei bignè più piccoli di quelli normalmente utilizzati.

Farcia crema cioccolato - Glassa Chantilly
Farcia mista - Glassa mista
Farcia Chantilly - Glassa crema cioccolato
Con questa ricetta partecipo al contest di Menù Turistico - MT Challenge di settembre



INGREDIENTI (dosi doppie rispetto a Stefania)

Bignè (per 45 mini bignè):

74 ml di acqua
10 ml di latte
66 gr di burro
70 gr di farina
2 uova
Un pizzico di sale

Crema chantilly
126 ml di latte intero
24 ml di panna fresca
2 tuorli
10 gr di maizena
48 gr di zucchero
120 ml di panna montata
semi di bacca di vaniglia

Crema al cioccolato
100 g di cioccolato fondente 60% di cacao
50 g di cioccolato al latte
140 g di panna

PREPARAZIONE
Ripresa esattamente da ricetta di Stefania.

Bignè
Versare l’acqua, il sale e il latte in un pentolino, aggiungere il burro tagliato a pezzetti e accendere il fuoco. Portare lentamente a bollore. E’ indispensabile che il burro si sciolga completamente prima che l’acqua inizi a bollire.
Quando l’acqua bolle aggiungere la farina tutta in una volta e mescolare con un cucchiaio di legno. Far cuocere sul fuoco fino a quando il composto non si sarà asciugato un po’. Toglietelo dal fuoco quando si inizia a sentire un intenso profumo di burro cotto.
Trasferire tutto nella ciotola della planetaria. E’ necessario fare raffreddare l’impasto continuando a maneggiarlo quindi azionare le fruste per un minuto. Aggiungere le uova intere, una alla volta. Aggiungere il secondo uovo solo quando il primo è stato completamente assorbito. Al termine si ottiene una pasta dalla consistenza simile a quella della crema pasticcera.
Riempire una sacca da pasticceria con bocchetta piccola 4-5 mm e modellare i bignè su una teglia imburrata. "Schiacciare" la punta che inevitabilmente si formerà con il dito leggermente bagnato di acqua.
Mettere la teglia in forno già a 200°C. e cuocere per 35 minuti di cui: i primi 12 con forno completamente chiuso ed i restanti 23 minuti con l'anta del forno leggermente aperta (basta qualche mm aiutandosi con uno spessore (io ho usato un asciughino ripiegato più volte.
Crema chantilly

Sbattere con un frullino elettrico  i tuorli con lo zucchero, i semi della vaniglia, la maizena e qualche cucchiaio di latte.
Nel frattempo portare a bollore il latte con la panna. Quando il latte sta per bollire, versare sopra la crema di tuorli, senza mescolare. La crema non si attacca, ma si addensa subito. Quando è rappresa, spegnere il fuoco e mescolarla delicatamente e trasferirla immediatamente in una ciotola coprendola con pellicola a contatto.
Quando sarà fredda, montare la panna con le fruste ad alta velocità: fermarsi quando è ancora morbida: deve essere semimontata. A questo punto inserirla gradualmente alla crema pasticcera, mescolando delicatamente dall’alto verso il basso. Quando la crema pasticcera avrà raggiunto consistenza simile a quella della panna, sarà possibile unirle senza timore che la panna si smonti. 
Crema al cioccolato
Scaldare la panna, portandola quasi a bollore. Spegnere il fuoco e unirvi il cioccolato fondente ed al latte tagliato a pezzettini. Mescolare bene finchè il cioccolato non sarà sciolto. Fare raffreddare completamente.

Assemblaggio della monoporzione
Io ho utilizato le due creme sia per la farcitura che per la glassatura.
Mettere la crema con cui si intendono farcire i bignè in una sacca da pasticceria con bocchetta piccola e lunga, quindi bucare con la bocchetta la parte inferiore dei bignè e riempirli con la crema.
Spolverare il piatto con del cacao quindi posizionare un bignè al centro del piatto e altri 6 tutti intorno.
Versare tra i bignè la crema non utilizzata per la farcia quindi posizionare sopra altri 4 bignè. Versare di nuovo la crema tra questi ultimi e posizionare un ultimo bignè in sommità. Colare la crema dall'ultimo bignè all'esterno verso il basso.
Stampa il post

37 commenti:

  1. voglio tutte e tre le versioni!!! e complimenti per la vena poetica!!! ;)

    RispondiElimina
  2. e io vista la mini porzione, voglio 3 mini porzioni diverse. Tanto sai dove vivo, vero?

    RispondiElimina
  3. L'argomento della vena poetica mi e' in qualche modo vicino, e non c'e' bisogno che ti spieghi perche' ;-)
    Piuttosto complimenti per il trionfo di profiteroles, addirittura tre versioni!

    RispondiElimina
  4. complimenti tre belle versioni ghiotte e golose!!! buona serata!

    RispondiElimina
  5. sei stato bravissimo, altro che un neurone alla volta!! prendo appunto del tuo contest, non sono bravissima con i dolci...ma bisogna pur trovare le giuste occasioni per fare meglio, no??
    ciao, Valentina

    RispondiElimina
  6. lavori sempre in grande!
    un saluto
    Marisa

    RispondiElimina
  7. Poichè non saprei quale scegliere perché mi piacciono tutte le versioni, facciamo una palla di ognuno.
    Sei stato molto bravo anche se lo zampino di tua moglie è servito sicuramente a farti ottenere questi bei risultati ;)

    Baci e buona serata da me

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia, addirittura tre versioni di profiteroles...Bravissimo, come sempre!!!

    RispondiElimina
  9. Grande Gianni! :) Adoro queste tue versioni e ne vorrei assaggiare una forchettina di tutti! ;) Sto già pensando al tuo nuovo contest! Baci

    Vevi :)

    RispondiElimina
  10. li prenoto tutti per quando vengo!! va bene?
    :)
    baciooo!

    RispondiElimina
  11. Ti sono venuti benissimo, complimenti!
    Li assaggerei volentieri tutti quanti :-)
    Il tuo poema è molto bello e vero. Non sarei mai capace di scriverne uno io..

    RispondiElimina
  12. Concordo con tua moglie, più di un neurone non vi riesce proprio :-)
    Io invece ho deciso di non portare più in cucina il portatile, una volta inzaccherato di farina e schizzi di pasta in mezzo ai tasti è difficile farlo tornare decente, quindi in cucina avevo in una sedia, perchè avevo paura di sporcare anche quello, il libro di Montersino, e sul tavolo la stampata della ricetta di Stefania, nel momento clou della preparazione della pasta choux sembravo una pazza che girava la testa a destra e a sinistra :-D

    RispondiElimina
  13. Si possono assaggiare tutt'è tre i tipi? Ma che golosità, non saprei quale scegliere, complimenti e buona serata!

    RispondiElimina
  14. C'è l'imbarazzo della scelta ...hai davvero esagerato! bacioni!

    RispondiElimina
  15. bravissimo Gianni! con la supervisione della signora^_^ le tre versioni dei profiterols sono davvero gustosissime!
    ho un bel po da fare in questo periodo, ma spero di riuscire a partecipare al tuo contest!:P mannaggia, me li perdo ultimamente!

    RispondiElimina
  16. Hai fatto il furbetto... tre versioni con lo stesso sapore... però mi piace questo gioco... sarà colpa dei miei neuroni? ;)

    RispondiElimina
  17. tu lo sai, vero, dove ti sei andato a impelagare, con la vena poetica? :-)
    il mio neurone è già in moto, per dune e deserti e sarà meglio che lo concentri su questi profiteroles, che sono davvero una meraviglia.
    Tua moglie è una donna molto, ma molto, ma molto fortunata. Davvero
    Ciao e grazie
    ale

    RispondiElimina
  18. quello variegato è li che mi guarda e che vuole essere mangiato SOLO da me! Altro che neuroni in movimento, i miei ormai sono tutti in subbuglio e diretti in un'unica direzione: profiterole!

    RispondiElimina
  19. Non una, ma 3 versioni!!!! ESAGERATO!!!! :-D
    Golosissime tutte e tre tra l'altro... non è che te ne è avanzato qualcuno? :-9

    RispondiElimina
  20. Non si può avere un assaggio?

    Ilaria di ATuttaCannella!

    RispondiElimina
  21. Metti da parte un piattino per me.
    Complimenti!!!
    Un bacione
    Lu

    RispondiElimina
  22. Ciao Gianni,adoro il profiteroles in qualunque versione...slurp !!! Bello il tuo blog,grazie di esserti unito al mio...anch'io mi sono unita ! Un salutone da Roby ! :-)

    RispondiElimina
  23. Siccome io sono molto prosaica e molto poco poetica, in quel deserto ci vedo delle fantastiche dune di tuoi profiteroles, con tutte le glasse che le irrigano!
    A presto e un abbraccio

    RispondiElimina
  24. Accipicchia ti sono venuti benissimo, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  25. una nota poetica non guasta mai :) ce la becchiamo grazie ! ma quanti bignè vi siete pappati?? :D deliziosi! e pensare che avevo un odio amore x questi bocconcini! per fortuna superata! che bello che vi siete incontrati.. troppo lontano per me! ciaooo

    RispondiElimina
  26. un trittico da leccarsi i baffi..anche io che non ce li ho!!!!sei bravissimo!!!

    RispondiElimina
  27. Che trionfo di profitteroles, tanta poesia e anche una moglie che collabora, niente male eh?? Un abbraccio a tutti!

    RispondiElimina
  28. La tua poesia è bellissima....e ricordo un tempo in cui anche io facevo come te...ogni cosa intorno era occasione di ispirazione....adesso, le cose mi ispirano, ma non le ho più messe nero su bianco......
    Neri e bianchi sono anche i tuoi profiterol....sono bellissimi!!!! E sicuramente pure buoni....ho già fatto colazione ma mi è tornata fame....... :)

    RispondiElimina
  29. davvero tanti tanti complimenti!!!sono fantastici!!!

    RispondiElimina
  30. bellissime parole... che sono rimasta senza io!
    ma invece di parlare mangerei volentieri un tuo profiteroles anzi tutti e tre! :)
    bravissimo.

    RispondiElimina
  31. Alla faccia del neurone x volta...nn hai nulla da invidiare a noi donne all'opera!! fortunata tua moglie ce ne sono pochi di ometti che fanno questo!! complimenti x il blog ti metto subito in lista cosi' ti seguo sempre!!! ;-)

    RispondiElimina
  32. Ciao ti volevo invitare a partecipare al mio contest: Il dolce piu' peccaminoso!
    qui maggiori info:
    http://dolciricette.blogspot.com/2011/10/la-cucina-dei-7-peccati-il-dolce-piu.html
    C'è tempo fino al 15 di Novembre...
    Ti aspetto!!

    RispondiElimina
  33. Userò anch'io Stefania come tutorial, non ho mai preparato i bignè! Buona giornata, Laura

    RispondiElimina
  34. Complimenti Gianni! Invitanti e golosi questi profiteroles in versioni diverse! Sei, come sempre, super!

    RispondiElimina
  35. Come faccio Gianni, io sono golosisisma, le voglio tutte e 3!!!!! Bravissimo!!!!!

    RispondiElimina
  36. Bravissimo Gianni, io me li mangerei tutti quanti :-)

    RispondiElimina
  37. mamma mia che meraviglia¨!!! questa te la rubo subitissimo!!!!
    ti faro' sapere.....complementi per il blog .-))))

    RispondiElimina