venerdì 30 settembre 2011

PESCE SAN PIETRO ALLA PROVENZALE


Giovedì scorso sono andato a Nizza per lavoro e visto che mia moglie era in ferie mi ha accompagnato. Pensavamo di andare a pranzo con il nostro amico Albert e sua moglie Evelyne a Villeneuve sur Mer alla Gougouline, ristorante situato "letteralmente" in riva al mare. Già pregustavamo le frittelle di baccalà, la frittata di bianchetti, le ostriche ed io il San Pietro alla provenzale.


E' facile comprendere la nostra delusione quando abbiamo scoperto che la Gougouline non esiste più. E' stata demolita. E' vero che parte dei locali erano, pare, abusivi. ma il Comune ha pensato bene di ampliare il porto turistico e conseguentemente di imporre la demolizione del locale. Il proprietario, più vicino agli 80 anni che ai 70, ha comunque deciso di aprire un locale in collina ma sicuramente non potrà essere la stessa cosa.
Alla fine Albert ci ha offerto il pranzo allo Sporting di Nizza, ristorante sulla spiaggia, lungo la Promenade des Anglais, vicino all'hotel Negresco.
Quando ho visto i prezzi sul menù, anche se non pagavo io, mi è venuto un coccolone. Con la stessa cifra avremmo mangiato due volte alla Gougouline e, devo essere sincero, molto meglio. Ma tant'è.
Domenica ho quindi deciso di preparare il San Pietro alla provenzale con contorno di pomodorini e patate. Proprio come veniva servito alla Gougouline.


Questa ricetta può essere preparata anche con altri filetti di pesce come branzino, orata, merluzzo, ecc.
Le erbe per la preparazione del misto provenzale ed i pomodorini provengono dal mio orto.
Dimenticavo, anche la lavanda è del mio giardino.

INGREDIENTI (per 4 persone)
4 filetti di pesce San Pietro (almeno 250 g cad.)
Misto provenzale composto da:
  • 4 foglie di basilico,
  • 4 foglie di salvia,
  • 2 rametti di rosmarino,
  • 4 rametti di timo,
  • 4 rametti di maggiorana,
  • 2 rametti di finocchio selvatico
  • 4 foglie di menta
20 pomodorini ciliegia
4 patate
Olio extra vergine d'oliva
Pepe
Sale grosso



PREPARAZIONE

Lavare le patate e lessarle con la buccia in acqua salata per 15 minuti.
Lavare le erbette, asciugarle bene e sfogliare i rametti.
Fare un trito di tutte le erbe mescolando bene.
Tagliare in due i pomodorini.
Sbucciare le patate e tagliarle a fette di circa 3-4 mm di spessore.
Posizionare su una placca da forno un foglio di carta forno e ungerlo bene con l'olio EVO quindi sistemare i filetti di pesce, le fette di patate sormontandole leggermente e distribuire i pomodorini.
Cospargere il tutto con le erbe provenzali e versare un filo d'olio EVO.
Pepare il pesce e coprire il tutto con un foglio di alluminio.
Mettere la placca in forno NON ventilato, gia caldo a 170°C per 20 minuti.
Posizionare il pesce, le patate ed i pomodorini nel piatto e cospargere con il liquido di cottura che i pomodorini avranno prodotto; salare i filetti con il sale grosso e guarnire con foglie delle erbe utilizzate o con qualche fiore di lavanda.
Stampa il post

16 commenti:

  1. Direi che è un'ottima ricetta. Bravo

    RispondiElimina
  2. Il San Petro è il pesce preferito da mio marito, sono contenta di avere una nuova ricetta per cucinarlo, grazie!

    RispondiElimina
  3. Gianni....spero di non provare mai la delusione di trovarmi davantio ad un locale in qualche città che amo e non trovarlo più!!!!
    Comunque la ricetta mi piace più di tanto, purtroppo mia cognata quest'estate mi ha praticamente ammazzato le mie oltre 100 piante di lavanda :( , se n'è salvata giusto qualcuna, ma è in ripresa e niente fiori, ma ho sempre il sacchettino di fiori di lavanda che mi avete spedito, buon weekend, un abbraccio, Flavia

    RispondiElimina
  4. Buonissimo il pesce san pietro cucinato cosi' :)) che peccato e che delusione trovare sparito uno dei risotranti preferiti...ho dei ricordi bellissimi della costa azzurra e dei ristorantini dove abbiamo mangiato benissimo..a proposito ecco dov'eri sparito ;))
    Un abbraccio ^_^

    RispondiElimina
  5. molto buono e raffinato.. mi fa venire voglia di tornare in Francia al più presto..
    ciao e buon we
    Giovanni

    RispondiElimina
  6. è triste non ritrovare certi pôsti dove una parte della nostra anima era rimasta incagliata...
    Comunque...adoro il san pietro, e qui, non ti dico neanche quanto costa (heheheheh) la prossima volta che lo vedo, mi sa che ti copio la ricetta.
    :)

    un baciotto a te ed Emanuela.

    RispondiElimina
  7. divinoooooooooooo!!Ho tutti gli ingredienti in casa quindi lo faro' di sicuro,ho anche la lavanda e' sul mio balcone,pensi che la posso utilizzare?
    Buon fine settimana!!

    RispondiElimina
  8. BUONISSIMO COMPLIMENTI GIANNI!!!

    RispondiElimina
  9. @Tutte/i - Grazie
    E' stata davvero una grande delusione anche perché per 6 anni sono andato a Nizza per lavoro almeno una volta al mese e negli ultimi 2 almeno 3-4 volte l'anno, e non mancavo mai di passare alla Gougouline a tal punto che era nata una reciproca simpatia.
    A tal punto che più volte mi faceva assaggiare piatti che voleva inserire nel menù. Ricordo dei tortelli che ... mi sa che proverò a farli.
    @Mary - E' vero sono andato a Nizza e non a Mendrisio ma prossimamente ...
    @frogghina - Alcuni mettono nel misto provenzale anche la lavanda. Io stavolta l'ho usata solo come decorazione.

    RispondiElimina
  10. Non ho mai mangiato pesce :( eppure vivo in un posto di mare!!
    e và be rimedierò con la tua ricetta!!
    Buon fine settimana
    Anna

    RispondiElimina
  11. Sai che pur adorando il pesce non ho mai mangiato il pesce san pietro? Sono imperdonabile, poi cucinato e presentato così è veramente invitante..prometto che lo proverò...buon w.e.!

    RispondiElimina
  12. Mai cucinato e mangiato questo pesce, ma sembra buonissimo.
    A presto.

    RispondiElimina
  13. questa ricetta è da provare perchè sono una fan della provenza ma.....che tipo di lavanda hai che è cosi bella in questa stagione? la mia è da mo' che è sfiorita!!!ahahahahh!!!!
    un abbraccio
    Marisa

    RispondiElimina
  14. Sono sicura che la tua ricetta è meglio di quella del Ristorante ;)
    PS: sto andando in confusione, magari me l'hai già detto, ma il 15 Ottobre mi confermi che ci sarai all'incontro a Novara tra Foodies? Sto tirando le somme e avrei bisogno di sapere quanti siamo, se riesci a venire mi/ci fa moooolto piacere! Grazie ;)

    RispondiElimina
  15. Este pescado no lo conozco ..pero se puede hacer con otr de por aqui...se ve fantastico ...bsssMARIMI

    RispondiElimina
  16. Buongiorno!... non mi ricordo se sei iscritto o meno su Oraviaggiando. Se non l'hai fatto, fallo subito…

    - puoi pubblicare ricette e vederle realizzate da grandi chef di caratura nazionale
    - puoi parlare del tuo ristorante preferito
    - puoi comunicare con tutti gli iscritti, seguirli (follow) ed essere seguito per tener traccia dei loro commenti, gusti e itinerari
    - puoi invitare a cena un ragazzo che ti piace
    - puoi farti una lista dei tuoi ristoranti preferiti per averli sempre a portata di "mouse" quando serve
    - puoi partecipare alle nostre cene e puoi scrivere sul nostro forum potendo aprire nuovi topic
    - puoi avere cene in omaggio


    Spero ti piaccia.
    Attendo la tua iscrizione

    RispondiElimina