sabato 3 dicembre 2011

FONDUTA DI FORMAGGI CON POLENTA E TARTUFO BIANCO


In questo periodo dell'anno, nella ditta dove ho lavorato fino a 3 anni fa, era tradizione organizzare una cena in provincia di Parma. La scusa era offrire la cena di Natale ad alcuni tecnici del Consorzio Agrario di Parma, in realtà era l'occasione di andare, a seconda degli anni, a Berceto a mangiare i funghi o da Mariella in loc. Fragnolo a Calestano a mangiare il tartufo.
Ed è stato proprio in questo locale che ho mangiato questo piatto, di per sé povero, ma arricchito e completato dal tartufo.



Come ho detto nel post relativo all'incontro tra blogger in Franciacorta di domenica scorsa, Alessandra del blog Food 4 thought è arrivata il sabato sera a casa mia con un sacco di prelibatezze tra cui 2 bei tartufi. Uno l'abbiamo usato il sabato sulla Tartrà preparata da Alessandra stessa e l'altro?
Quale migliore occasione per replicare questo semplice ma, vi assicuro, straordinario piatto?


Come si vede dalle fotografie alcuni pezzetti di formaggio non si sono perfettamente fusi. Sono pezzetti di un formaggio locale a media stagionatura prodotto in estate in alpeggio. All'inizio ero dispiaciuto ma poi ho pensato che era la dimostrazione che la fonduta è stata fatta realmente e non utilizzando prodotti già pronti.

Con questa ricetta partecipo al contest di Love at First Bite - Una polvere d'oro che diventa polenta

INGREDIENTI (per 4 persone)

200 g di farina di mais
1 l di acqua
Sale grosso
200 g di robiola fresca
150 g di formaggio di alpeggio
100 g di formaggio grana grattugiato
50 g di formaggio di capra
Latte
2 tuorli d'uovo
Tartufo

PREPARAZIONE

Pulire dalle eventuali croste i formaggi, tagliarli a dadini piccoli e, con l'esclusione del grana, metterli in una ciotola coprendoli con il latte e lasciarli a riposare 4-5 ore.
In una pentola portare a bollire l'acqua, salarla e versare a pioggia la polenta continuando a mescolare con una frusta. Quando è stata versata tutta la farina, abbassare il fuoco e, utilizzando un cucchiaio di legno, continuare a mescolare fino alla cottura della polenta (35-40 minuti).
Quando mancano circa 15 minuti al termine di cottura della polenta, togliere i formaggi dal latte e metterli in un pentolino, aggiungere il grana grattugiato e, a fuoco moderato, fare sciogliere i formaggi. Quando saranno sciolti versare i due tuorli d'uovo e incorporarli bene.
Se la fonduta dovesse risultare troppo densa allungarla con il latte utilizzato per l'ammollo dei formaggi. 
La stessa cosa vale per la polenta in quanto, in questa ricetta, la polenta deve essere morbida (da potersi mangiare, per così dire, al cucchiaio).
Raggiunta la cottura della polenta riempire a metà un piatto fondo ben caldo, livellandola bene battendo sul fondo del piatto stesso.
Versare la fonduta di formaggio e completare con il tartufo tagliato a scaglie.
Stampa il post

21 commenti:

  1. mmmmc he delizia a quest'ora caro gianni1!!!!!! che bontà che bontà che fame!!!!!
    se ti va partecipa al mio contest con questa splendida ricetta!!! tratta la polenta e la farina di mais! si vince una bella pentolona!!!

    RispondiElimina
  2. Aspettavo proprio di sapere come vi sareste gustati l'altro tartufo e vedo che hai scelto bene: questo e' sicuramente un piatto ideale. Un abbraccio a tutti i Senaldi.

    RispondiElimina
  3. Non appena ho visto la foto sono corsa a leggere, ma che meraviglia questa polenta...direi che è un'ottima morte per il tartufo!
    Ho seguito l'evolversi del raduno...peccato essere lontana e non aver potuto partecipare!
    Buona domenica loredana

    RispondiElimina
  4. questo piatto è la gioia assoluta, complimenti!!!

    RispondiElimina
  5. Anch'io oggi vado di polenta!!! che buona questa con i formaggi, Gianni, un piatto davvero gustoso!
    buon fine settimana,
    Vale

    RispondiElimina
  6. praticamente l'avete ingioiellata questa polenta, altro che piatto povero! apprezzo anche io e non solo visivamente i pezzettini nella fonduta ;-)
    buon w-e

    RispondiElimina
  7. Questo è un attentatooooooo,svegliarmi e trovare questa ricetta.....Il tartufooooooooo lo adoro.Bravissimo una ricetta fantastica.

    RispondiElimina
  8. Mamma mia che buona...sarebbe già speciale con quella lista di formaggi se poi ci aggiungi il tartufo diventa sublime...sento anche il profumo...è possibile?
    un bacio

    RispondiElimina
  9. gianni, te posso menà???? ma come, hai un parmigiano di 30 mesi e vai a mettere un padano???aaaarrrggghhhhhhh!!!!!!!!
    niente, vorrà dire che devo venire su un'altra volta per tastare con bocca se hai fatto la scelta giusta!!!
    buona domenica a te e manuela!

    RispondiElimina
  10. Sono solo le 10 del mattino e già sto svenendo dalla fame a vedere sta meraviglia..il tartufo poi è la ciliegina sulla torta..opssss polenta :))
    Buonoooooooo...p.s. pero' do ragione a Dauly, meglio il parmigiano 30 mesi ehhhhhh ;))

    RispondiElimina
  11. Semplicemente deliziosa!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  12. @ Dauly, Mary - Il parmigiano 30 mesi l'avrei usato volentieri se fosse arrivato alla data di realizzazione del piatto. Il problema è che io con il parmigiano sono come un topolino. Semplicemente l'adoro e ne mangio anche la crosta. Cosa volete, dopo cena, davanti al PC o alla televisione un pezzetto tira l'altro. Altro che patatine.
    E per completare l'opera mia suocera si è letteralmente sbaffata la sbrisolona (sono riuscito solo ad assaggiarla e ... la capisco) mentre i biscotti della Dauly ..... sono già finiti.
    Aiuto!!!!!!
    Mi verrebbe da dire "Dauly non dovevi" ma non sono ipocrita. Dico solo "Dauly, grazie e ... bravissima"

    RispondiElimina
  13. Altro che piatto povero! L'abbinamento polenta-formaggi è uno dei miei preferiti! Generalemente io aggiungo anche i funghi...ma solo perchè non ho a disposizione un così bel tartufo!
    Ciao a presto

    RispondiElimina
  14. bè, ma allora c'ho ragione....tocca tornare alla svelta per rinnovare le provviste!!!

    RispondiElimina
  15. La suocera di Gianni mangia meno di un uccellino. Mi sa Dauly che questo dice qualcosa della tua sbrisolona!

    RispondiElimina
  16. grazie per aver partecipato caro Gianni! Non so se lo avevi capito ma sono Giulia Porro di Facebook! Quella di St. ANdrews!!! hihihi.. cmq ricettina inserita! good luck :-) ciauu

    RispondiElimina
  17. mmm a quest'ora mi viene l'aquolina in bocca!! Adoro la polenta e questa tua versione..è da paura!! :) Mi è dispiaciuto tantissimo dover essere a montare caloriferi invece che al tuo incontro in franciacorta!!Spero che presto rimedierò con un incontro dalle mie parti..(appenta fa meno freddino! ;) Intanto ti invito al mio contest/raccolta... servono idee intelligenti, acute e fantasiose...una vera sfida!... per cui penso ti possa interessare ;)
    Un caro saluto,
    Benedetta

    RispondiElimina
  18. gianni...una vera delizia non ho altre parole....

    RispondiElimina
  19. una vera prelibatezza!!è poi cosi profumata!!!inebriante direi
    un bacio

    RispondiElimina
  20. Wow, apoteosi di sapori. Secondo me la presenza dei pezzetti di formaggio non perfettamente sciolti arricchisce ulteriormente il piatto (se mai ce ne fosse bisogno) e lo rende più rustico e vero. Buona giornata, Babi

    RispondiElimina
  21. Questa è sicuramente una ricetta da re! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina