venerdì 27 gennaio 2012

PANE DI MONTAGNA



Mi è già capitato di dire che una delle prime amiche di questo blog è stata Ilaria del blog Iaia in cucina con semplicità. Qualche giorno fa, visitando il suo blog, ho letto la ricetta di questo pane di montagna da lei ripresa dal Ricettario di Bianca e mi è venuto subito voglia di provarlo.



Ho seguito quasi fedelmente tutti i passaggi indicati ma, a differenza di Ilaria, ho utilizzato la planetaria e la seconda lievitazione è durata circa 6 ore (la notte).
A livello di ingredienti ho aumentato le farine in quanto l'impasto era abbastanza umido e ho utilizzato lo sciroppo di grano anziché il malto d'orzo.
E' un pane buonissimo e sicuramente lo rifarò avendo però l'avvertenza di fare più breve la seconda lievitazione e direttamente sulla placca del forno in quanto, nel passaggio dal contenitore alla placca stessa, maneggiando l'impasto, si è un po' "sgonfiato".
Nonostante questo, come si vede dalla fotografia, è pieno di bolle d'aria che lo rendono soffice all'interno ma con una bella crosta croccante.
Naturalmente è stato apprezzato ed ha avuto una vita molto breve ma, visto che Ilaria è romana, "che ve lo dico a affà".

INGREDIENTI

650 g di farina manitoba
150 g di semola di grano duro
600 ml di acqua tiepida
1 cucchiaino di sciroppo di grano (*)
15 g lievito
2 cucchiaini di sale
(*) Nell''originale Malto d'orzo

PREPARAZIONE

In un bicchiere versare parte dell'acqua tiepida e sciogliere il lievito con lo sciroppo di grano. Mescolare bene e lasciare agire qualche minuto fino a che comparirà in superfice uno strato schiumoso.
Versare le farine nella ciotola della planetaria, aggiungere il sale e mescolare per fare amalgamare bene le farine.
Aggiungere alle farine l'acqua con il lievito quindi aggiungere la restante acqua ed impastare fino a raggiungere un impasto omogeneo ed elastico. Per ottenere l'impasto desiderato ho azionato la planetaria per circa 25 minuti e, come detto ho dovuto aggiungere della farina alle quantità indicate.
Mettere l'impasto a lievitare (io a temperatura ambiente) per 3 ore.
Attenzione a dove mettete l'impasto perché nel lasso di tempo indicato è più che raddoppiato.
Trascorse le 3 ore riprendere l'impasto e reimpastarlo a mano per qualche minuto.
Mettere di nuovo a lievitare per 2 ore (io sono andato a dormire e quindi è lievitato per 6 ore).
Prendere l'impasto, metterlo sulla placca del forno, spolverizzare la superficie con una miscela di farina e semola e, se riuscite, praticare delle incisioni sulla superficie.
Infornare in forno preriscaldato a 220°C per 40 minuti.
Fare raffreddare su una griglia.
Stampa il post

22 commenti:

  1. E' magnifico! E' semplicemente magnifico Gianni, mi ricorda proprio il pane che mangiavo dai miei nonni da piccola. Ed era appuntamento fisso la domenic,a prima di pranzo, la fettona gigante col sugo appena fatto. Baci, buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. è davvero ben fatto! Mi segno la ricetta perchp voglio provarlo! casomai uso il mio lievito madre, è davvero sofficissimo!
    Bravissimo Gianni!

    RispondiElimina
  3. Ma è fantasticooooooooooo.......segno la ricetta.....

    RispondiElimina
  4. solo leggendo il titolo lo avevo già segnato!!!! non vedo l'ora di poterlo fare....maaaa....cos'è iò sciroppo di grano?? dove si trova??? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sciroppo di grano lo si acquista in erboristeria.
      E' un ottimo sostitutivo anche della punta di zucchero che a volte deve essere aggiunto negli impasti salati.
      E' assolutamente da provare

      Elimina
  5. Gianni, una sola parola, MAGNIFICO... in effetti è molto idratato. E che belle le bolle ;)) copio anch'io, che penso userò il malto (lo sciroppo di grano non lo conoscevo!)

    RispondiElimina
  6. Ecchècelodiciaffà...è semplicemente meraviglioso, alveolato al punto giusto *__*

    RispondiElimina
  7. L'esperto nel fare il pane in famiglia è mio papà, ne propara di tutti i tipi, mentre io non ho mai provato. Ho un libro esclusivamente dedicato alla panificazione ed ogni tanto mi balena l'idea di mettermi alla prova ma poi abdico. Devo provare un giorno. A te è venuto benissimo Gianni, mi piacciono sempre i tuoi tentativi e poi ti riescono bene!
    un abbraccio e buon fine settimana, a te e alla tua family:)

    RispondiElimina
  8. Eè bellissimo e certamente buonissimo...lo proverò!!!

    RispondiElimina
  9. Mamma mia che bella visione Gianni questo pezzo di pane...una lievitazione magistrale direi. Davvero complimenti.

    RispondiElimina
  10. E' veramente perfetto, mi sembra di sentirne il profumo!
    Abbiamo una piccola sorpresa per te, passa nel nostro blog se ti va!
    Elisa e Laura

    RispondiElimina
  11. wow che bellezza questa pagnotta!!!! anche io voglio provarla!
    grazie per la ricetta =)

    RispondiElimina
  12. che bello! che alveolatura!
    che bravo che sei!!! un pezzettino per me?

    RispondiElimina
  13. Sembra davvero sofficissimo e somiglia al pane molisano...

    RispondiElimina
  14. Sgonfiato o meno... dalle occhiature della prima foto sembra sofficissimo. Mi sa che mi segno sito e ricetta e la prossima volta che ho voglia di una fetta di pane *giusta* lo faccio pure io!
    Nora

    RispondiElimina
  15. È favoloso! Complimenti! Questo lo voglio proprio provare a fare!

    RispondiElimina
  16. ciao
    ti ho trovato per caso e il tuo blog mi ha subito colpito, ho già scoperta qualche ricettina che proverò sicuramente:-)
    se ti va vieni a trovarmi sul mio blog kreattiva.blogspot.com ciao rosa.kreattiva

    RispondiElimina
  17. Iaia mi ha portato sul tuo blog... che è bellissimo come questo pane di montagna che avevo già adocchiato sul ricettario e sul suo!
    Io sono una frana con i lievitati... ma mi ci voglio cimentare!

    RispondiElimina
  18. bè....questa la passo a Rino che va ad occhio quando fa il pane!!! la sta guardando meravigliato stà pagnottona!!!! bravissimo anzi...braverrrrimo!!!! un abbraccio da tutti noi a tutti voi!!! ( ho fatto per la terza volta la sabiosa che è stata divorata...quando la quarta??? ahaha) baci

    RispondiElimina
  19. una ricetta da provare , ciao buona domenica

    RispondiElimina
  20. ciao..sto provando il pane di montagna,,,ènormale che sia molto morbido?MACOME SI FARA' POI A DARLE LA FORMA ROTONDA AD UN IMPASTO MOLTO MOLLE?...che dici riprendo l'impasto visto che sono all'inizio della seconda lievitazione e aggiungo farina? anch'io ho seguito la ricetta di JAJA,,,,,grazie dei consigli se riesci...io sono abituata a fare la Biga,,mi trovi su Faceb..cevolin antonella

    RispondiElimina