mercoledì 25 gennaio 2012

RISOTTO YIN E YANG

Quando Valentina - My taste for food - mi ha preannunciato che avrebbe organizzato con Cinzia - Essenza in cucina - un contest mensile lungo un anno con tema i colori ne sono stato entusiasta e le ho promesso che avrei partecipato.
Per il mese di gennaio i colori scelti sono il bianco ed il nero. Il bianco ed il nero? Ma sono due non colori. E poi, sono i colori della Lupa, contrada nemica della mia ISTRICE; sono anche i colori dei gobbi (volutamente minuscolo) anche se, ultimamente, per mera questione economica, usano anche una maglia rosa shocking.
Mannaggia; però una promessa è una promessa per cui pensa e ripensa mi è venuto in mente che uno dei miei simboli preferiti è quello che nella filosofia cinese contrappone Yin e Yang.
Perché mi piace? Perchè i simboli sono perfettamente identici, perché sono assolutamente complementari, perché l'uno non può esistere senza l'altro, perché quando termina uno inizia l'altro, perché nulla può essere totalmente Yin o totalmente Yang. Quest'ultimo completa ciò che sostengo da sempre: "Non esiste il bianco e non esiste il nero, esistono una infinità di grigi". Così in tutte le cose della vita.

E' stata una scelta quasi obbligata quella di scegliere il riso per realizzare questo piatto e penso di essere riuscito a riprodurre il simbolo Yin e Yang.


Con questa ricetta partecipo al contest Colors and food, what else? di My taste for food e di Essenza in cucina

INGREDIENTI (per 4 persone)
160 g riso carnaroli
160 g riso venere
Una bustina di nero di seppia
100 g di Asiago non stagionato
100 g di robiola
Formaggio grana grattugiato
Un bicchiere di latte
Sale
PREPARAZIONE
Mettere sul fuoco 2 pentolini con acqua salata. Quando bolle versare in uno il riso venere e fare cuocere per 17 minuti. Dopo 5 minuti versare il riso carnaroli e farlo cuocere per 13 minuti.
Nel frattempo in una padellina versare il latte ed aggiungere il formaggio Asiago e la robiola a pezzettini. A fiamma moderata fare sciogliere il formaggio.
Trascorso il tempo necessario per la cottura del riso venere scolarlo bene, rimetterlo nel pentolino, correggere eventualmente di sale ed aggiungere il nero di seppia; rimettere sul fuoco e fare cuocere per un paio di minuti.
Nel frattempo scolare il riso carnaroli, rimetterlo nel pentolino e, fuori dal fuoco, versare il formaggio grana e mescolare bene.
Versare sul fondo del piatto la crema di formaggio e aiutandosi con un coppa pasta e una striscia di cartoncino da pasticceria realizzare lo Yin e Yang.
Stampa il post

14 commenti:

  1. ..Gianni, Grazie!! Il simbolo lo trovo magico, presentato in versione perfettamente orientale e su una fonduta morbida di formaggi, è anche elegantissimo :)
    Ai prossimi colori allora!

    RispondiElimina
  2. Eccomi!!lo sapevo che saresti arrivato con il tuo piattino, non avevo dubbi :)) Ottima scleta Gianni, fatta di equilibri e armonia, un po' quello che cerchiamo nella vita di tutti i gioni, magari anche inconsapevolmente.
    Un abbraccio forte, Vale

    RispondiElimina
  3. ottima presentazione e davvero perfetto il mix di questo riso...ciao.

    RispondiElimina
  4. La tua presentazione è sempre strabiliante!!! Comlimenti

    RispondiElimina
  5. fantastico! mi piace moltissimo!

    RispondiElimina
  6. una presentacion muy original

    RispondiElimina
  7. ma che spettacolo, come hai fatto ad creare una forma così precisa e perfetta?!

    RispondiElimina
  8. Ciao, colgo l'occasione per invitarti a partecipare al primo contest del blog Fiore di Cappero dal titolo "AL CONTADINO NON FAR SAPERE COME E' BUONO IL FORMAGGIO CON LE PERE" (http://www.fioredicappero.com/2012/01/ecco-il-primo-contest-di-fiore-di.html)

    RispondiElimina
  9. Molto bella questa presentazione Gianni e sono d'accordo con te la vita è una sfumatura di grigi, non esiste solo il bianco e nero, per fortuna!
    Un abbraccio e riguardati ;)
    Sonia

    RispondiElimina
  10. Una preparazione semplice ma di grande effetto scenico! Condivido in pieno la tua filosofia sulle tante tonalità di grigio. Se ti va passa a trovarmi: c'è un premio per te!
    Ciao a presto

    RispondiElimina
  11. Sei un artista in cucina, complimenti per la bella presentazione e in bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina
  12. ma quanto ci hai messo a disegnare il simbolo yinge yang? complimenti però...davvero una presentazione bellissima...che quasi quasi fa dispiacere il doverla rompere per gustare il riso...
    In bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina
  13. Davvero complimenti!! Un mega in bocca al lupo per il contest! Trovo che tu abbia avuto un'idea originalissima! Esecuzione perfetta! Sono d'accordo con te anche riguardo al fatto che la vita sia una scala di grigi, ma sebbene io lo creda, poi di fatto spesso vedo solo bianco o solo nero, sono sempre un pò drastica... forse è anche per questo che mi piace moltissimo uesto simbolo!! Ciao! ^__^ Any

    RispondiElimina