giovedì 23 dicembre 2010

LE TARTINE DI NATALE

Si avvicina il Natale e, riflettendo su quanto proposto da Claudia del blog Pasticci & Pastrocchi con il suo contest Non è Natale se non c'è ..., ho pensato a cosa non è mai mancato sulla tavola della mia famiglia nei pranzi durante le feste natalizie.
Nei primi non c'è stato un piatto che sia sempre stato presente e così pure nei secondi. Nei dolci poi la varietà sul tema è stata massima. Pensando e ripensando posso dire che soltanto le tartine come antipasto sono sempre state presenti. Il mio ricordo parte dall'infanzia quando a prepararle era il mio papà ed arriva ad oggi dove sono io ad accuparmene. In tutti questi anni le variazioni sono state minime:
- mio papà le preparava rettangolari mentre io le prediligo quadrate;
- 4 erano le tipologie in origine (gamberetti, lompo nero, acciughe e sardine) ed in seguito si aggiunse il lompo rosso; io ho sostituito le sardine con il salmone affumicato.
Queste piccole varianti in almeno 40 anni. Poco, non vi pare?

Tartine di Natale

Con questa ricetta partecipo al contest di Pasticci & Pastrocchi - Non è Natale se non c'è ...

INGREDIENTI

Pan carrè o da tramezzino
Salmone affumicato in fette
Acciughe sott'olio
Uova di lompo nere
Uova di lompo rosse
Code di gamberetti
Cetriolini
Capperi
Maionese in tubetto
Burro

PREPARAZIONE

Tagliare le fette di pan carrè in quattro parti e metterle in forno a 80° su una griglia.
Io non le faccio tostare molto, mi basta che tolga l'umidità al pane.
Salmone
Prendere il pane e passare un velo di burro; sciaquare un cetriolino, tagliarlo a metà, tagliarlo longitudinalmente in 6/8 parti senza arrivare fino in fondo  ed aprire leggermente i petali ottenuti. Arrotolare intorno al cetriolino una fetta di salmone e posizionarla al centro della tartina.

Acciughe
Distendere un acciuga ed arrotolarla intorno ad un cappero. Posizionarla al centro della tartina e fare un giro perimetrale con la maionese
Uova di lompo nere / rosse
Fare un giro perimetrale della tartina con la maionese ed all'interno, con un cucchiaino, distribuire le uova di lompo.
Code di gamberetti

Fare un giro perimetrale della tartina con la maionese ed all'interno, con un cucchiaino, distribuire le code di gamberetti, completare con una punta di maionese al centro.

Non abbiamo mai utilizzato la gelatina, sia per semplificare la preparazione, sia perchè non c'è mai stata la necessità di conservarle in quanto vengono preparate poco prima di essere consumate e non sono mai avanzate.
Stampa il post

1 commento:

  1. Che belle queste tartine, danno un tocco di classe alla tavola, sono capitata per caso nel tuo blog e ho trovato delle ricette molto interessanti, complimenti e..BUON Anno!!!

    RispondiElimina